Biathlon: trionfo ucraino nella staffetta donne; per le giovani italiane grande sesto posto

Un quartetto ucraino senza punti deboli si aggiudica la seconda staffetta femminile di stagione in una bagnata Oberhof. Italiane oltre le più rosee previsioni.

La Coppa del mondo riparte da Oberhof, su una pista scivolosa e con le ben note curve tecniche che causano regolarmente diverse cadute.

Tocca alle donne aprire il programma con una staffetta che vede al via quasi tutte le migliori, tranne la finlandese Mäkäräinen e la convalescente ceca Soukalova. Per l’Italia quartetto giovane, senza Michela Ponza.

La svizzera Gasparin e la ceca Vitkova scremano il gruppo nel primo giro e sparano anche bene, uscendo per prime insieme alla tedesca Bachmann e alla norvegese Fenne. Decima l’azzurra Wierer a 26 secondi, con una ricarica; in rimonta e già sesta la francese Brunet, caduta in avvio.

Nel secondo giro tocca a Bachmann scivolare, cosicché davanti rimangono in tre, inseguite dal duo Palka (Polonia) e Bachmann. Nel tiro in piedi Vitkova sbaglia meno delle dirette rivali e fugge inseguita a 18 secondi da Palka e Bachmann. Un giro di penalità per Fenne, scavalcata dalla cecchina Wierer: l’azzurra spara bene e velocissima e risale in quarta posizione. Dopo 4 su centri su 4 si inceppa invece Gasparin, che perde il contatto con le migliori; risale in sesta posizione la russa Glazyrina.

Ultimo giro della prima frazione con Palka che lascia Bachmann e si getta alla caccia di Vitkova; Wierer regge bene. Al cambio, Cechia avanti di 13 secondi sulla Polonia e 25 sulla Germania, che precede l’Italia di 7 secondi. Nella seconda frazione in campo big come la tedesca Gössner, la russa Zaitseva, la norvegese Solemdal.

Miriam Gössner mette subito il turbo e raggiunge la ceca Zvaricova e la polacca Gwizdon dopo meno di 2 km. La tedesca prosegue incessante e giunge per prima al poligono, dove realizza uno splendido 5 su 5 e prende il volo. Regge bene Gwizdon e si difendono l’azzurra Oberhofer, Zavaricova e Zaitseva, a cui fa compagnia l’ucraina Valj Semerenko. Tre ricariche per la norvegese Solemdal.

Gössner è una furia e guadagna secondi su secondi, mentre in terza e quarta posizione avanzano Ucraina e Russia. Cechia, Norvegia e Italia passano a quasi 1 minuto a metà del secondo giro; il tiro in piedi segna le prime difficoltà per Gössner che ricorre a 3 ricariche di cui ne sbaglia due. Le avversarie, pur non esenti da errori, ne approfittano e la Polonia passa in testa con 13 secondi sulla Russia; subito dietro Norvegia e Ucraina, a precedere Germania e Italia a 26 secondi, riprese dalla francese Bescond.

Gwizdon regge nell’ultimo giro e dà il cambio alla meno quotata della compagne, Monika Hojnisz. Gössner riprende la seconda posizione, cambiando insieme a Ucraina, Norvegia e Russia. Oberhofer cala nel finale e lancia Nicole Gontier in nona posizione.

Hojnisz parte male, cadendo prima della pericolosa curva DKB e facendosi quasi riprendere dalle inseguitrici, diventate 5 col rientro della francese Boilley.

La migliore al tiro a terra è l’ucraina Pidhrushna, che precede il trio Hojnisz – Horn (Norvegia) e Hildebrand (Germania); poco più indietro la russa Shumilova e la francese. Scivola indietro la Cechia, che con Landova finisce pure rovinosamente sulla neve.

Pidhrushna controlla la situazione e con 5 su 6 costruisce un buon vantaggio su Germania e Francia, anche loro con una ricarica. Difficoltà per la Russia e soprattutto per Norvegia e Polonia, che incappano in due giri di penalità ciascuna e vengono superate da una splendida Gontier, che riporta l’Italia in quinta posizione.

Altra caduta con la russa che scivola e vede sempre più lontano il podio. Davanti Ucraina saldamente al comando, con la valida Vita Semerenko che parte per l’ultima frazione con ben 43 secondi di vantaggio sulla francese Dorin Habert e sulla tedesca Horchler. Gia 1’25” il ritardo della Russia, seguita a 1’38” dall’Italia. Polonia e Norvegia sopra i 2 minuti, con le quotate Nowakowska e Berger al via.

Dorin guida l’inseguimento a Semerenko, la quale nel primo giro difende il proprio margine. Pista sempre molto molle sotto un’intensa pioggia mentre le prime si accomodano sui tappetini per il tiro a terra. Vita Semerenko non ha problemi e centra rapidamente i 5 bersagli; la imita Dorin Habert che si mantiene a 42 secondi. Una ricarica per Horchler che resta terza a 1’02”; la russa Viluhina deve rischiare e sbaglia 5 volte uscendo così dalla corsa al podio. 5 su 6 per l’azzurra Runggaldier che resta quinta, dietro la Polonia e davanti di poco all’arrembante Berger.

Ultimo impegno al tiro per Semerenko senza grossi problemi: con 5 su 6 la vittoria è in tasca e alla francese non resta che sparare con calma per assicurarsi il secondo posto. Un po’ di emozione davanti al pubblico di casa per Nadine Horchler che sbaglia 2 volte ma rimedia e mantiene nettamente il terzo posto. Tora Berger avanza in quarta posizione sulla Russia, mentre Alexia Runggaldier super ala polacca grazie a 5 su 7 al tiro.

Vittoria senza discussioni per il solido quartetto ucraino, mentre la Francia paga le difficoltà della sua leader Brunet. Esame superato brillantemente per la giovane Italia, grazie a una complessivamente valida prova al tiro conquista un sesto posto che rappresenta il massimo attualmente possibile e frutta il premio di 3000 euro da dividere in 4. Brave azzurre!

Da notare che solo metà delle squadre chiude la gara evitando il doppiaggio, ben 9 quartetti finiscono fuori classifica.

Risultati

Oberhof, 3 gennaio 2013

Staffetta femminile 4×6 km.

1 UKRAINE UKR 0+1 0+4 0+5 1:20:16.1
DZHYMA Juliya 0+0 0+1
SEMERENKO Valj 0+1 0+1
PIDHRUSHNA Olena 0+0 0+1
SEMERENKO Vita 0+0 0+1
2 FRANCE FRA 0+1 0+3 0+4 +45.9
BRUNET Marie Laure 0+0 0+2
BESCOND Anais 0+0 0+0
BOILLEY Sophie 0+1 0+1
DORIN HABERT Marie 0+0 0+0
3 GERMANY GER 0+2 2+6 2+8 +1:47.3
BACHMANN Tina 0+0 0+0
GÖSSNER Miriam 0+0 2+3
HILDEBRAND Franziska 0+1 0+1
HORCHLER Nadine 0+1 0+2
4 NORWAY NOR 0+3 3+8 3+11 +2:11.9
FENNE Hilde 0+0 1+3
SOLEMDAL Synnoeve 0+3 0+1
HORN Fanny Welle-Strand 0+0 2+3
BERGER Tora 0+0 0+1
5 RUSSIA RUS 2+6 0+5 2+11 +2:53.5
GLAZYRINA Ekaterina 0+1 0+1
ZAITSEVA Olga 0+1 0+1
SHUMILOVA Ekaterina 0+1 0+3
VILUKHINA Olga 2+3 0+0
6 ITALY ITA 0+6 0+4 0+10 +3:27.4
WIERER Dorothea 0+1 0+0
OBERHOFER Karin 0+1 0+1
GONTIER Nicole 0+3 0+1
RUNGGALDIER Alexia 0+1 0+2
7 POLAND POL 0+4 4+10 4+14 +3:44.9
PALKA Krystyna 0+2 0+1
GWIZDON Magdalena 0+1 0+3
HOJNISZ Monika 0+1 2+3
NOWAKOWSKA-ZIEMNIAK Weronika 0+0 2+3
8 BELARUS BLR 1+7 3+8 4+15 +4:43.4
KALINCHIK Liudmila 0+1 2+3
DUBAREZAVA Nastassia 1+3 1+3
SKARDINO Nadezhda 0+2 0+2
DOMRACHEVA Darya 0+1 0+0
9 SLOVAKIA SVK 0+2 0+5 0+7 +5:40.7
CHRAPANOVA Martina 0+1 0+1
GEREKOVA Jana 0+0 0+1
PREKOPOVA Natalia 0+0 0+1
FIALKOVA Paulina 0+1 0+2

Advertisements

Commenta

comments

About A. Grilli (Kraut)