Biathlon: prima vittoria russa nella staffetta maschile

La Russia ottiene il primo successo di stagione grazie alle frazioni conclusive di Shipulin e Malyshko superando una Norvegia nella quale si rivede un gran Bjørndalen

Ancora caldo a Oberhof: oltre 4 gradi e umidità fastidiosamente al 93%; condizioni non semplici, tanto più che i biathleti giunti per la prima volta al poligono trovano anche un forte vento di 5 metri al secondo a metterli in difficoltà; l’ucraino Semenov e il norvegese L’Abee-Lund fronteggiano meglio degli altri il problema e realizzano un 5 su 5 a terra che gli permette di fuggire al comando, inseguiti dal kazako Chervykhov, dal russo Volkov e dal ceco Slesingr. Subito un giro di penalità per Germania, Francia, Svezia, Italia e 2 giri per l’Austria.

Semenov non mostra alcuna preoccupazione e spara perfettamente anche in piedi, mentre il norvegese incorre in un giro di penalità e scivola all’undicesimo posto. Squadre dell’Est in evidenza, con Russia, Estonia, Slovacchia e Cechia a inseguire l’ucraino. Si riprendono Germania, Austria e parzialmente l’azzurro Dutto, continuano i guai di Svezia e Francia.

Al primo cambio Ucraina avanti di 18 secondi su Cechia, Russia ed Estonia col sorprendente Koiv; già quinta la Germania e nona la Norvegia a poca distanza, quindi un buco di mezzo minuto e altre squadre prima dell’Italia, sedicesima a 1’31”.

Primo giro della seconda frazione con Moravec e Garanicev che staccano l’estone Remmelg, mentre Burke (USA), Lesser (GER) e Bjørndalen (NOR)provano ad accorciare il ritardo; l’ucraino Sednev ricorre a una sola ricarica e resta al comando, ma si avvicinano Bjørndalen e Burke, senza errori, seguiti da Garanicev e Lesser; 3 ricariche per la Cechia e un giro per l’Estonia, mentre l’azzurro Dominik Windisch ha problemi con l’attrezzatura e perde più di un minuto al poligono, scivolando al 21° posto. L’Italia non ripeterà l’impresa vittoriosa del 2012.

Bjørndalen sembra tornare ai tempi migliori e si mangia Sednev nel secondo giro, giungendo al poligono con 7 secondi sull’ucraino. Il campione norvegese dà spettacolo anche al tiro, dove solo il tedesco Lesser regge il confronto, tornando in pista con 15 secondi di ritardo. Seguono USA, Ucraina e lo slovacco Kazar, che supera il russo. 5 con 7 per l’Italia che risale in 17^ posizione.

Bjørndalen scava un ulteriore divario negli ultimi 2,5 km. e diventa uno degli atleti da tenere d’occhio nelle prossime gare: al cambio lancia Bjøntegård con ben 27 secondi su USA, Germania e Ucraina. Ancora 7 squadre entro il minuto di distacco, mentre la Polonia subisce il primo doppiaggio. Quindicesima l’Italia.

Infuria il vento mentre il norvegese guadagna qualche secondo sui 3 inseguitori capeggiati dal tedesco Peiffer. Al tiro a terra Norvegia ancora avanti, con gli avversari cha commettono errori su errori. Al seondo posto spunta il russo Shipulin a 37 secondi, seguito dallo statunitense Currier. Quindi Cechia, Germania, con Peiffer che evita in extremis la penalità, e Ucraina, con la Slovacchia che perde leggermente contatto. Quattordicesima la squadra azzurra.

Shipulin si getta all’inseguimento di Bjøntegård coadiuvato da Peiffer e seguito da Currier e Pryma: il distacco si riduce di una decina di secondi, ma la Norvegia smorza le velleità e mantiene 27 secondi su Germania, Ucraina e Russia; perdono qualcosa gli USA, si difende il ceco Krupcik, perde terreno la Slovacchia. Italia 16^ a 4 minuti.

Il leader sente la fatica e perde tutto il vantaggio sotto la spinta di Shipulin e Peiffer, tallonati da Pryma. All’ultimo cambio parte Svendsen con un secondo sul russo Malyshko, 5 sul tedesco Graf e 6 sull’ucraino Deryzemlja. USA a 30 secondi. Svendsen, favorito insieme al russo, fa l’andatura nel primo giro e non sbaglia al tiro, avvantaggiandosi sui rivali: a 12 secondi Malyshko, a 22 Graf, a 27 Deryzemlja. Sembra fatta per la Norvegia, che vede avvicinarsi il bis di Hochfilzen, ma al tiro in piedi la pressione si fa sentire: 3 errori nei primi 5 tiri per Svendsen e Malyshko ne approfitta, malgrado una ricarica, compiendo il sorpasso decisivo. Bene Florian Graf che assicura il terzo posto con un tiro perfetto.

Nell’ultimo giro Svendsen riduce da 9 a 6 secondi il ritardo da Malyshko, che però insiste fino al traguardo con passo deciso e consegna alla Russia la rpima vittoria di stagione. Seconda la Norvegia, che resta al comando della graduatoria di specialità, e altro terzo posto per i padroni di casa dopo quello di ieri. Italia 14^ al traguardo con Lukas Hofer che non ha voluto strafare in vista dell’importante sprint di domani.

Risultati

Oberhof, 4 gennaio 2013

1 RUSSIA 0+5 0+7 0+12 1:20:35.7
VOLKOV Alexey 0+2 0+1
GARANICHEV Evgeniy 0+0 0+3
SHIPULIN Anton 0+1 0+2
MALYSHKO Dmitry 0+2 0+1
2 NORWAY 0+1 1+7 1+8 +8.4
L’ABEE-LUND Henrik 0+0 1+3
BJOERNDALEN Ole Einar 0+0 0+0
BJOENTEGAARD Erlend 0+1 0+1
SVENDSEN Emil Hegle 0+0 0+3
3 GERMANY 1+8 0+1 1+9 +39.3
SCHEMPP Simon 1+3 0+0
LESSER Erik 0+0 0+0
PEIFFER Arnd 0+3 0+1
GRAF Florian 0+2 0+0
4 UKRAINE 0+7 0+5 0+12 +1:01.8
SEMENOV Serhiy 0+0 0+0
SEDNEV Serguei 0+1 0+2
PRYMA Artem 0+3 0+1
DERYZEMLYA Andriy 0+3 0+2
5 USA 0+8 0+3 0+11 +1:44.6
BAILEY Lowell 0+3 0+1
BURKE Tim 0+0 0+1
CURRIER Russell 0+2 0+1
NORDGREN Leif 0+3 0+0
6 SLOVENIA 0+4 3+8 3+12 +2:20.2
DOKL Peter 0+3 0+1
BAUER Klemen 0+1 2+3
MARIC Janez 0+0 1+3
FAK Jakov 0+0 0+1
7 SWEDEN 1+8 0+6 1+14 +2:20.3
ARMGREN Ted 1+3 0+2
LINDSTRÖM Fredrik 0+2 0+2
ERIKSSON Christoffer 0+1 0+2
BERGMAN Carl Johan 0+2 0+0
8 CZECH REPUBLIC 0+6 0+3 0+9 +3:05.2
SLESINGR Michal 0+2 0+1
MORAVEC Ondrej 0+3 0+0
KRUPCIK Tomaas 0+1 0+1
KRCMAR Michal 0+0 0+1
9 SLOVAKIA 0+9 0+7 0+16 +3:21.7
SIMOCKO Dusan 0+3 0+0
KAZAR Matej 0+2 0+1
HASILLA Tomas 0+3 0+3
OTCENAS Martin 0+1 0+3
10 BELARUS 0+7 0+4 0+11 +3:56.5
NOVIKOV Sergey 0+3 0+1
ABRAMENKO Evgeny 0+1 0+0
BABCHYN Aliaksandr 0+1 0+3
LIADOV Yuryi 0+2 0+0
11 AUSTRIA 3+7 2+6 5+13 +4:29.5
EDER Simon 2+3 0+2
EBERHARD Julian 0+1 2+3
PINTER Friedrich 0+0 0+1
LANDERTINGER Dominik 1+3 0+0
12 BULGARIA 2+8 0+6 2+14 +4:38.6
KLETCHEROV Michail 0+1 0+0
KENANOV Miroslav 0+1 0+3
ILIEV Vladimir 2+3 0+2
ANEV Krasimir 0+3 0+1
13 FRANCE 1+7 1+7 2+14 +5:27.2
BEATRIX Jean Guillaume 1+3 1+3
FOURCADE Simon 0+1 0+0
DESTHIEUX Simon 0+1 0+3
BOEUF Alexis 0+2 0+1
14 ITALY 1+8 0+9 1+17 +5:49.5
DUTTO Pietro 1+3 0+3
WINDISCH Dominik 0+1 0+2
WINDISCH Markus 0+2 0+1
HOFER Lukas 0+2 0+3
15 SWITZERLAND 1+6 2+9 3+15 +5:58.7
BÖCKLI Claudio 1+3 0+3
WEGER Benjamin 0+0 1+3
DOLDER Mario 0+2 1+3
HALLENBARTER Simon 0+1 0+0

Coppa di staffetta

1 NORWAY 114
2 RUSSIA 108
3 GERMANY 86
4 FRANCE 82
5 UKRAINE 74
6 CZECH REPUBLIC 74
7 AUSTRIA 73
8 SLOVAKIA 68
8 SWEDEN 68
10 USA 64

Coppa nazioni maschile

1 Norway 2581
2 Russia 2541
3 Germany 2376
4 France 2284
5 Austria 2195
6 Sweden 2061
7 Czech Republic 2051
8 Ukraine 2043
9 Slovenia 1806
10 Italy 1799

 

 

Advertisements

Commenta

comments

About A. Grilli (Kraut)