Home / Sport invernali / L’inno dei mondiali di Fiemme 2013 di Goran Bregovic è un plagio clamoroso?

L’inno dei mondiali di Fiemme 2013 di Goran Bregovic è un plagio clamoroso?

Quando l’organizzazione dei mondiali di fondo in Val di Fiemme 2013 ha affidato la composizione dell’inno a Goran Bregovic aveva pensato – testuali parole dell’epoca – a un compositore che potesse con la sua musica unire ogni età, e magari anche ogni nazionalità visto che il musicista bosniaco è amato ovunque – non pensava certo di incorrere in un clamoroso infortunio.

E allora via: 70.000 euro per Bregovic, più 60.000 per i 50 musicisti e il coro di 70 elementi. In fondo il pezzo che ne è uscito è carino e anche se il testo basato sul Trentino pare un po’ infantile con quel suo “miracolo in Trentino, un bacio dura fino al mattino”, la musica è accattivante e molto divertente.

oj dada ojda ojda, ojda ojdadà!!!

Peccato però che la melodia sia pressoché identica a quella di “Hajdemo u planine” (Andiamo in montagna) composto da Bregovic trent’anni fa e già utilizzato per promuovere le Olimpiadi invernali di Sarajevo, suo luogo d’origine, nel 1984.


E ora che fare? Intanto mettiamo a confronto i due pezzi. Qui sopra potete ascoltare l’inno dei mondiali di Fiemme. Sotto Hajdemo U Planine dei Bijelo Dugme. Giudicate voi se non sono praticamente identici, specialmente il ritornello.

oj dada ojda, ojda ojdadà!!!


Advertisements

Commenta

comments

Su Luca Landoni

Giornalista pubblicista iscritto all'ODG Lombardia, mi occupo di sport, musica, spettacolo, politica, gossip e cultura: insomma, tutto e il contrario di tutto. Amante degli sport olimpici e del calcio minore. Ho praticato calcio, tennis, atletica leggera, tiro con l'arco e Pokemon GO. Milanese emigrato, vivo in Trentino. Contatto: info@direttaradio.it