Advertisements

Nuovo nome per il mercato del Milan: no a Casemiro, si a Paulinho

Il Milan guarda in Brasile per rinforzare ulteriormente la squadra. Ma quello che prima era un mercato pieno di talenti e facili da portare con pochi milioni in Italia, adesso sta diventando un mercato difficile e sopratutto costoso se non ti muovi per tempo. La testimonianza è Ganso, vicinissimo prima al Milan poi all’Inter e poi di nuovo al Milan. Se ne è parlato per oltre un anno da quando nessuno lo conosceva. Ma poi il brasiliano si è messo in luce, anche con la nazionale, e il suo cartellino è aumentato di valore in pochi mesi facendo tentennare il Milan. E così il suo nome non è stato più fatto, anche perchè troppo costoso. E lo stesso ormai vale per Casemiro che viene sempre accostato ai rossoneri di Milano, ma anche in questo caso la valutazione del giocatore si è improvvisamente elevata fino ad una richiesta di 25 milioni di euro. Una cifra che il Milan non può spendere in questo momento e quindi il giocatore del San Paolo non arriverà. Per il mercato di gennaio Galliani ha dichiarato che non ci sarà nessun mister X, ma aveva detto che se il Milan interverrà nel mercato di riparazione lo farà per cercare un centrocampista. Al Milan forse non servirebbe neanche visto che a metà campo può disporre di diverse soluzione con i suoi numerosi centrocampisti: Ambrosini, Aquilani, Nocerino, Boateng, Flamini, Gattuso, Emanuelson, Van Bommel, Seedorf e volendo quel giovane Valoti di cui si parla bene. Nove-dieci giocatori per un reparto dove il Milan gioca spesso a tre, considerando che Robinho e Cassano possono giocare a supporto delle punte, cosi come El Shaarawy.

Ma con i numerosi infortuni che ha il Milan in questo momento, soprattutto quello di Flamini che potrebbe aver finito la stagione in anticipo e quello di Gattuso che non ha un tempo di recupero preciso, serve assolutamente qualcuno che possa far rifiatare Nocerino, Van Bommel che per ora hanno giocato quasi sempre. Il nome più probabile per Gennaio è quello di Riccardo Montolivo, ma è da valuare se il Milan vorrà tirare fuori dei soldi per un giocatore che può avere dopo pochi mesi a parametro zero. Sopratutto saranno da valutare le richieste della Fiorentina, che per il momento sono state eccessive per un giocatore in scadenza. Per questo Ariedo Braida sta guardando ancora in Brasile e il nome nuovo è quello di Paulinho, 23enne giocatore del Corinthians. Bernardo Silva, esponente del ‘Grupo Pao de Acucar’ che detiene il 45% del cartellino del giocatore (un altro 45% è del Banco BMG e un 10% del Corinthians), riguardo al giocatore si è espresso così: “Nonostante giochi davanti alla difesa, ha un’ottima confidenza con il gol. Ha una buona capacità di inserimento che gli consente di segnare 6-7 reti a stagione. Visionato da Braida? Non so nulla, non c’è stato nessun contatto e per noi è una novità assoluta. Credo che siano solo voci, come quelle estive su Fiorentina, Palermo e Roma. E’ chiaro che essere accostati a squadre di questo calibro faccia piacere, sia a me che al ragazzo, perché lo abbiamo visto crescere ed un’esplosione così improvvisa ha sorpreso tutti. Preferenza per qualche campionato? Ogni giocatore brasiliano sogna di giocare in Europa, ma non abbiamo mai parlato di questo perché è successo tutto così in fretta. E’ ancora presto per pensare al mercato. Siamo contenti di queste voci, che rimangono tuttavia tali, visto che fino ad ora non c’è stato alcun contatto con squadre italiane e non“. Voci o non voci, se il Milan è realmente interessato dovrà muoversi in fretta questa volta.

Segui la Serie D in diretta su Facebook

Advertisements

Commenta

comments

About Andrea Izzo

Appassionato di calcio e di musica, ex nuotatore che si dilettava sui campetti di periferia cercando di imitare, con scarsi risultati, gli idoli Roberto Baggio e Manuel Rui Costa.
Sin dalla sua nascita ho collaborato come redattore per Gamefox Network che mi ha fatto scoprire la passione per la scrittura e per il web.