Advertisements
Breaking News

Caso Cassano: si parla di ictus ischemico. Il parere di un esperto

Antonio Cassano resta ricoverato al policlinico di Milano per la seconda notte. Nella giornata di oggi sono stati fatti ulteriori accertamenti e secondo quanto ha riportato l’Ansa si tratterebbe di Ictus Ischemico. Questa sarebbe la prima diagnosi e ovviamente è ancora da valutare l’entità dell’ictus. Il Milan però per il momento non ha confermato niente e attende ulteriori esami. I dottori inoltre non hanno voluto dire niente sulle condizioni del giocatore precisando che sarà il Milan, nel caso, ad informare.

Noi di direttaradio.it prima di allarmare, abbiamo contattato un esperto che ci ha spiegato la situazione:

Un ictus ischemico si ha per la formazione o di un trombo o di embolo che arriva alle arterie cerebrali e le ostruisce. Se l’ostruzione è di una piccola arteria, le conseguenze sono di poco rilievo, ma nel caso di un vaso di diametro maggiore il danno potrebbe essere maggiore, sopratutto perchè si parla di ischemia quando almeno il 75% di un vaso è occluso e ciò comporta una ridotta perfusione di ossigeno al cervello. C’è da dire che le cellule cerebrali però iniziano a morire solo dopo 15 minuti e che il danno cerebrale è irreversibile.  Se c’è stato un danno quindi non si torna indietro e i neuroni non si riproducono. Prima quindi di parlare di danni gravi, è importante sapere il calibro e il vaso colpito, la zona colpita e l’emisfero“. L’esperto poi aggiunge che potrebbe trattarsi anche di un tia, attacco ischemico transitorio: “Ha la stessa patogenesi di un ictus ischemico e provoca una ridotta perfusione. Si caratterizza però nella prognosi in quanto è caratterizzato dalla scomparsa del defict focale nell’arco delle 24  ore per remissione totale e spontanea“.

Quindi come si capisce, l’ischemico è meno grave dell’ictus emorragico e ci sono probabilità anche di danni minori o quasi nulli. E come letto sopra nelle parole rilasciate dall’esperto contattato, bisogna sapere prima la zona colpita. La notizia positiva in tutto questo è che Fantantonio è giovane e la ripresa sarà molto più rapida. Ma ad oggi stimare tempi di recupero è quasi impossibile, poichè i medici si sono riservati di non rivelare gli esiti degli esami sostenuti oggi dal giocatore.



Segui la Serie D in diretta su Facebook

Advertisements

Commenta

comments

About Andrea Izzo

Appassionato di calcio e di musica, ex nuotatore che si dilettava sui campetti di periferia cercando di imitare, con scarsi risultati, gli idoli Roberto Baggio e Manuel Rui Costa.
Sin dalla sua nascita ho collaborato come redattore per Gamefox Network che mi ha fatto scoprire la passione per la scrittura e per il web.