Home / News / Potenza nel caos: tifosi picchiano giocatori, cacciato l’allenatore

Potenza nel caos: tifosi picchiano giocatori, cacciato l’allenatore

Bentornato calcio malato. L’ennesimo episodio di violenza nel mondo del pallone arriva questa volta dalla Serie D, campionato che seguiamo ogni giornata con aggiornamenti in diretta. Ieri, domenica 10 gennaio, è costata cara la sconfitta del Potenza in casa del Manfredonia (leggi la cronaca) dove i locali si sono imposti 2-1 grazie alle reti di La Forgia e La Porta.

Poco dopo il fischio finale, il presidente Vertolomo ha annunciato che Salvatore Marra non sarà più l’allenatore del Potenza poiché dal suo arrivo non sono stati fatti miglioramenti. Il presidente ha inoltre voluto tranquillizzare i tifosi, parole che però non devono essere arrivate in tempo visto che una cinquantina di sostenitori potentini hanno aggredito il pullman della squadra.

Stando a quanto riportato dalle prime ricostruzioni, l’aggressione è avvenuta in serata quando la squadra ha fatto ritorno a Potenza: mentre il pullman stava rientrando allo stadio Viviano, numerose persone a volto coperto hanno bloccato il mezzo e hanno fatto irruzione al suo interno aggredendo giocatori e dirigenti. La società ha poi diffuso un comunicato:

Il Potenza calcio esprime vergogna, mista a rabbia e delusione, per la vile aggressione subita dal pulman della squadra al rientro da Manfredonia.
Colpire con attrezzi contundenti e con violenza inaudita dei ragazzi inermi, colpire dei ragazzini di 15/16 anni fino a mandarli in ospedale non fa onore ad una tifoseria ricordata in tutti i campi italiani per la grande passione e soprattutto per la correttezza sempre mostrata.
Vedere i calciatori piangere ed impauriti sarà un fatto che resterà nella storia più di ogni altra vittoria.
E comunque, ufficialmente, la società ha deciso di continuare. Più forti e più convinti di prima. Si è certi che la parte buona della città apprezzerà questa scelta

Advertisements

Commenta

comments

Su Andrea Izzo

Appassionato di calcio e di musica, ex nuotatore che si dilettava sui campetti di periferia cercando di imitare, con scarsi risultati, gli idoli Roberto Baggio e Manuel Rui Costa. Sin dalla sua nascita ho collaborato come redattore per Gamefox Network che mi ha fatto scoprire la passione per la scrittura e per il web.