Advertisements

Fondo: Olsson beffa i favoriti; terzo posto e primo podio per Clara

Vittoria a sorpresa per lo svedese Johan Olsson nella 15 km. freestyle che ha aperto la Coppa del mondo maschile. Grande prova dell’azzurro Roland Clara, al suo primo podio in carriera.

Per il 31enne di Västerås si tratta della seconda vittoria in carriera dopo quella di Davos nel 2008; finora i 3 piazzamenti sul podio li aveva ottenuti in gare sulla medesima distanza, ma sempre in stile classico.
Olsson ha impresso una superba accelerazione nella seconda metà di gara, guadagnando decine di secondi ai suoi avversari.

Al secondo posto, grazie a una volata mozzafiato, si piazza il favorito Petter Northug, apparso in buona forma; a soli 2 decimi dal norvegese, terzo posto per il sudtirolese Roland Clara, fantastico lungo tutta la gara e determinato negli ultimi 5 km. a mantenere un ritmo elevatissimo.

A differenza della gara femminile, nessun dominio della squadra norvegese, che ha piazzato nei primi 10 solo Northug e il biathleta Berger, ottavo e capace di precedere i compagni di specialità Svendsen e Bø.

Rivelazione della giornata lo svedese Halfvarsson, partito tra i primi e quarto al traguardo. Delusione, invece, per l’elvetico Dario Cologna, miglior tempo nelle prime fasi e poi calato drasticamente fino a concludere settimo, preceduto dal connazionale Fischer. Cologna ha rischiato più volte di scivolare negli ultimi 500 metri, a testimonianza della fatica accumulata.

Note liete per gli azzurri anche da David Hofer, dodicesimo con un’ottima distribuzione dello sforzo; a punti anche Di Centa, mentre sotto le aspettative i russi, i tedeschi e i francesi (tutti fuori dai 10) e soprattutto i finlandesi, probabilmente scossi dalla positività all’antidoping di Lallukka; migliore dei loro è risultato Nousiainen, 18°, mentre Jauhojärvi è affondato (67° posto)

Il vincitore ha dichiarato che non si aspettava minimamente di poter vincere, tanto meno con un simile vantaggio, ma oggi tutto ha funzionato alla perfezione. Ha pensato alla vittoria di Bjørndalen, che nel 2006 si impose contro le previsioni con ben 23 secondi di distacco anche grazie a un’analoga tattica di gara.

Da notare lo strano comportamento della Rai, che anche con 2 canali dedicati allo sport ha interrotto sul più bello la diretta per dare spazio alla solita insulsa partita di calcio.

Domani tocca alle staffette: la Norvegia potrebbe portare anche due o tre squadre femminili ai primi 3 posti, mentre tra gli uomini Svezia e Norvegia partianno coi favori del pronostico. A Russia, Svizzera, Francia, Italia e Germania l’arduo compito di impensierirle.

Risultati

15 km. freestyle maschile a cronometro

Sjusjøn (Norvegia), 19 novembre 2011

 

 

Segui la Serie D in diretta su Facebook

Advertisements

Commenta

comments

About A. Grilli (Kraut)