Advertisements

Fondo: Northug scherza, l’Italia cade a 400 metri dalla fine

Anche a livello maschile i norvegesi occupano i primi 2 posti in una gara molto tattica. Ottima prova degli azzurri fino alla caduta di Hofer.

 

Compare finalmente il sole per la staffetta maschile di Sjusjøen, primo di soli due appuntamenti stagionali con i quartetti in questa annata che non prevede né Olimpiadi né mondiali.

La prima frazione vede pochi scossoni, con il ritmo che si alza brevemente a metà della gara grazie a russi e norvegesi. Si stacca subito Germania 1 con Kühne e più avanti Canada e Svizzera.
Al primo cambio restano in una dozzina, compreso l’azzurro Piller Cottrer, nel gruppo di testa, con Dario Cologna che riavvicina la Svizzera ai primi; quando l’elvetico sta per completare l’aggancio, davanti il ritmo si ravviva grazie allo svedese Rickardsson.

Sono quindi Vylegzhanin (Russia) e Manificat (Francia) a tentare l’azione decisiva negli ultimi 2 km., avvantaggiandosi di qualche secondo sul quartetto Finlandia – Norvegia – Svezia – Italia, con un buon Giorgio Di Centa.
A una ventina di secondi un altro gruppo, capeggiato dalla Svizzera.

In terza frazione Johan Olsson si riporta subito sui 2 battistrada Turyshev e Duvillard trascinandosi Heikkinen, Berger e Roland Clara; l’azzurro procede con sicurezza mantenendosi in scia. Il ritmo dello svedese si fa più tranquillo dopo circa un terzo di gara e Clara guadagna qualche posizione per controllare meglio le mosse dello svedese. A oltre 20 secondi inseguono Svizzera, USA e Norvegia 3.
Nel terzo dei 4 giri da 2,5 km. non succede nulla e gli inseguitori non recuperano. Lars Berger porta la Norvegia al comando e prova ad andare in progressione.
Sull’ultima salita Clara decide finalmente di attaccare, mettendo in leggera difficoltà la Russia. Si va all’ultimo cambio con 5 atleti vicinissimi e il russo Turyshev a 4 secondi.

Nell’ultima frazione tutti i pronostici sono per il norvegese Petter Northug, che inizialmente resta coperto. Nessuno vuole fare l’andatura, così Norvegia 3 con Røthe e Svizzera con Perl si riportano nel gruppo dopo soli 2 chilometri.
Non succede nulla fino agli ultimi 2500 metri, quando il battistrada Perl incrementa la frequenza tallonato dall’azzurro David Hofer e dal finlandese Nousiainen.
Fa in tempo ad accodarsi anche Svendsen di Norvegia 2, proprio prima che si riapra la bagarre grazie al russo Legkov, non in possesso di grande sprint e obbligato a muoversi con anticipo.
Northug non molla il russo e con loro ci sono anche Italia, Svezia e Norvegia 3.
Hofer scivola sull’ultima discesa ed esce di scena sul più bello, lasciando gli altri 8 a giocarsi il podio. Northug scatta e controlla gli avversari con facilità irridendoli, mentre Røthe va a replicare la doppietta norvegese ottenuta dalle donne. Terzo posto per la Svezia con Halfvarsson, che festeggia un grande weekend. Agli ultimi due posti si piazzano le squadre tedesche, a suggellare la disfatta del Bundesteam.

La Prossima settimana continua il fondo e debuttano le molto più spettacolari gare di salto e combinata nordica a Kuusamo (Finlandia) da venerdì a domenica.

 

Risultati

4×10 km. maschile

Sjusjøen (Norvegia), 20 novembre 2011

 

Segui la Serie D in diretta su Facebook

Advertisements

Commenta

comments

About A. Grilli (Kraut)