Advertisements
Breaking News

Milan: Maxi Lopez c’è il si, Drogba c’è il no e si tratta Tevez. Inzaghi ed El Shaarawy via a gennaio

C’è davvero bisogno di andare a prendere Maxi Lopez o Tevez a gennaio per rinforzare un attacco che nelle ultime gare ha fatto più di venti gol con una media di oltre due reti a partita? Ma sopratutto c’è davvero bisogno di nuovi giocatori in quel reparto del campo dove ci sono già Ibrahimovic, Pato, Robinho, ma sopratutto gente come Pippo Inzaghi ed El Shaarawy che ancora a fine novembre non hanno praticamente mai visto il campo?

Sono domande che mi sorgono spontanee dopo tutte queste voci di mercato. E’ possibile che in Italia non ci siano più le bandiere? E’ possibile che in Italia ci ostiniamo ancora a non dare spazio ai giovani? Milan-Chievo 4-0: El Shaarawy entra solo al 76′ quando la partita era già decisa dal 43′ del primo tempo. Perchè invece di mettere sempre il solito Emanuelson o Robinho non fare entrare in campo il giovane faraone? Infondo in serie B ha fatto la bellezza di 9 gol con il Padova e quando è stato messo in campo da Allegri qualche minuto in più è andato a segno, tra l’altro segnando il gol nell’1-1 contro l’Udinese. Non parliamo poi di Pippo Inzaghi, re di Coppe, che non è stato neanche inserito nella lista Champions e ci siamo ritrovati con l’acqua alla gola. E così questi due giocatori, il passato e quello che potrebbe essere il futuro del Milan, saranno costretti a guardarsi intorno a gennaio perchè l’arrivo di uno tra Tevez o Maxi Lopez (o entrambi) chiuderebbe definitivamente le porte anche a quei 10 minuti che i due giocatori hanno giocato in questo avvio di stagione. Inzaghi vorrebbe sentirsi importante, essere almeno considerato, cosa che non sta succedendo. Lui vuole giocare ed è chiaro che al Milan non potrà essere soddisfatto. Come si legge oggi sul Corriere dello Sport Superpippo avrebbe offerte sia in Giappone che negli Stati Uniti, senza considerare gli Emirati. Ma prima di considerare queste alternative vorrebbe risposte chiare da Allegri. Per El Shaarawy parla il suo agente: “Il futuro di Stephan in questo momentoè un punto interrogativo. Il ragazzo sta bene a Milano e sa di dover dare sempre il massimo per ritagliarsi il suo spazio. Certo, forse con il Chievo sul 4-0 poteva esser messo in campo prima, ma in Italia gli allenatori fanno fatica a dare più spazio ai giovani, specie nei grandi club. Ci vedremo nelle prossime settimane con il Milan e ci sarà una riflessione insieme alla società. Se gli offrissero un ruolo importante in una società media in A sarebbe un’ipotesi su cui ragionare“.

Per quanto riguarda invece la fase in entrata del mercato attaccanti, c’è da registrare il rifiuto di Drogba. Anche in questo caso l’agente del giocatore è stato chiaro: “Il Milan ci ha contattato, ma ho detto di no perché non c’interessa l’offerta di un prestito con un’opzione per l’acquisto. Anche il Chelsea ci ha proposto un prolungamento annuale che non abbiamo ritenuto soddisfacente. Noi sappiamo cosa vogliamo e quali offerte abbiamo. Alla sua età, Didier non ha più niente da dimostrare come giocatore e andrà dove gli offriranno più soldi. Potrebbe essere negli Stati Uniti, in Qatar, in Russia o da qualche parte in Asia. Ovunque sia conveniente dal punto di vista finanziario“. Per quanto riguarda Maxi Lopez è ormai certo il passaggio al Milan, infatti Galliani e LoMonaco sono usciti insieme dalla Lega Calcio e sono andati via sulla stessa auto e in seguito hanno trovato l’accordo per il prestito con diritto di riscatto. Più difficile la situazione Tevez su cui c’è l’interesse anche di Inter e Juventus. Tevez però ha fatto sapere di gradire il Milan, mentre Galliani ha fatto sapere che non intende fare aste per il giocatore. Le condizioni sono state dettate: prendere o lasciare.

Segui la Serie D in diretta su Facebook

Advertisements

Commenta

comments

About Andrea Izzo

Appassionato di calcio e di musica, ex nuotatore che si dilettava sui campetti di periferia cercando di imitare, con scarsi risultati, gli idoli Roberto Baggio e Manuel Rui Costa. Sin dalla sua nascita ho collaborato come redattore per Gamefox Network che mi ha fatto scoprire la passione per la scrittura e per il web.