Nuoto: Alessia Filippi si ritira a 25 anni tra le polemiche

Alessia Filippi annuncia il suo ritiro a soli 25 anni, che nel nuoto è un’età già “alta” ma non così da portare nel ritiro. Anzi un’età che vede nel loro migliore momento moltissimi atleti. E invece non lo è per l’atleta romana che dopo anni di infortunio e di assenze dalla piscina era riuscita a qualificarsi alle recenti Olimpiadi di Londra. Si era presentata con i 200 dorso, ma uscì subito in batteria e li probabilmente è finita la sua carriera da nuotatrice.

È arrivato il momento di dire basta” dice la Filippi con un po’ di amaro in bocca. “È una scelta difficile sono in questo mondo da sempre e questo sport è la mia vita. Purtroppo il momento di dire basta è arrivato e mi spiace dover prendere atto che la decisione non dipenda solo da me. Nell’ultimo anno ero tornata a gareggiare come civile per le Fiamme Gialle. Sono stati mesi per me fantastici, riuscendo ad ottenere la qualificazione olimpica a marzo. Evidentemente non è bastato per rientrare nei loro piani futuri. Mi è crollato il mondo addosso“. Una scelta quindi non voluta al 100% ma arrivata lo stesso e forse quasi dovuta. Ma non smetterà con il nuoto anche se continuerà solo per il piacere di farlo come lei stessa afferma: “Per me comincia una vita nuova, dove continuerò a nuotare, anche se per puro piacere e dove cercherò di trasmettere quei valori che mi ha insegnato lo sport condividendoli con le persone care e colleghi futuri“.

Chiude con alle spalle, anzi al collo, un mondiale vinto nei 1500 stile libero e un bronzo negli 800 stile a Roma 2009, ma anche un argento olimpico a Pechino 2008 sempre negli 800 stile libero oltre a tre titoli europei e 2 bronzi e addirittura 44 titoli italiani. Ha nuotato per Fiamme Gialle e Aurelia Nuoto, alla quale ha chiesto proprio un maxi risarcimento di 120mila euro.

Commenta

comments

Segui la Serie D in diretta su Facebook

About Andrea Izzo

Appassionato di calcio e di musica, ex nuotatore che si dilettava sui campetti di periferia cercando di imitare, con scarsi risultati, gli idoli Roberto Baggio e Manuel Rui Costa. Sin dalla sua nascita ho collaborato come redattore per Gamefox Network che mi ha fatto scoprire la passione per la scrittura e per il web.