Advertisements
Wednesday , 21 February 2018
Breaking News

I convocati di Conte: dai “Troppi stranieri” alla Nazionale oriunda

Antonio Conte ha chiamato 26 giocatori a far parte dell’Italia che sfiderà Bulgaria ed Inghilterra. Le novità sono Eder Vazquez e Valdifiori. Torna Barzagli. Ecco i convocati:

Portieri: Buffon (Juventus), Perin (Genoa), Sirigu (Paris Saint Germain);
Difensori: Barzagli (Juventus), Bonucci (Juventus), Chiellini (Juventus), Moretti (Torino), Ranocchia (Inter);
Centrocampisti: Antonelli (Milan), Bertolacci (Genoa), Candreva (Lazio), Cerci (Milan), Darmian (Torino), Florenzi (Roma), Marchisio (Juventus), Parolo (Lazio), Pasqual (Fiorentina), Soriano (Sampdoria), Valdifiori (Empoli), Verratti (Paris Saint Germain);
Attaccanti: Eder (Sampdoria), Gabbiadini (Napoli), Immobile (Borussia Dortmund), Pellé (Southampton), Vazquez (Palermo), Zaza (Sassuolo).

Ciò che salta all’occhio è la nascita di un’Italia oriunda che contrasta col concetto espresso dallo stesso Conte ma soprattutto dal Presidente Tavecchio – con polemiche annesse – dei “troppi stranieri”.  C’è Valdifiori dell’Empoli, ma ci sono anche Vasquez del Palermo ed Eder della Sampdoria.

E bisogna considerare che il C.T., per quanto concerne i rosanero avrebbe voluto portare anche Dybala che però – a differenza di Vazquez – preferisce aspettare l’Argentina. L’attacco del Palermo sta soffrendo di sterilità ed anche a Verona col Chievo la squadra di Iachini ha perso mostrando opacità. Quanto dev’essere deludente la “cantera” italiana se bisogna sfruttare l’origine padovana della madre di un calciatore argentino che milita in una squadra che non vince da 5 turni e non segna da 4 incontri?

Ci sono anche nomi buoni per la Nazionale, che stanno però deludendo nei loro club: Ranocchia offre prestazioni deludenti all’Inter ma continua ad essere il pupillo di Conte,  Immobile sta andando a fasi alterne in Germania. Si attende il ritorno del vero Cerci. Quasi scontato il no a De Rossi

Degne di una  stagione comunque straordinaria le chiamate in casa Toro, ormai non può più essere una sorpresa la convocazione di Pellè.

Ricordiamoci che tra gli anni Cinquanta e Sessanta una Nazionale ricca di oriundi portò risultati comunque deludenti.

 

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Segui la Serie D in diretta su Facebook

Advertisements

Commenta

comments

About Stefano beccacece