Sunday , 24 January 2021

Bayern troppo forte. Juve fuori, ma grazie lo stesso ragazzi

Riflessione del giorno dopo,quando l’amarezza è più o meno scomparsa. In cuor nostro sapevamo che le possibilità di passare il turno erano pochine, ancor meno di vincere la Champions. Le varie assenze, su tutte quella di Vidal, avevano reso ancor più dura l’impresa, resa ancor più ardua da quello che sulla carta era un raffronto tra Padoin e Ribery. . Al momento questo Bayern è troppo forte ed è una delle pretendenti al titolo.  Vano è stato anche il fattore campo.

Mentre la Juventus per tirare in porta doveva procedere con una fitta rete di passaggi, i tedeschi essendo forti del 2-0 dell’andata  hanno attaccato solo quando hanno avuto voglia di farlo ed ogni volta facevano paura.

Il DG bianconero Marotta non ha ancora il rinnovo assicurato , forse perché non è riuscito a portare un nome di grande livello per l’attacco e vedendo l’attacco di ieri sera si aveva l’impressione che il compito di far male ad un elefante fosse affidato ad una zanzara, con il solo Quagliarella a creare qualche pericolo.

LEGGI ANCHE  Drughi vs Vikings: la guerra degli ultrà juventini a Bardonecchia

La Juve avrà bisogno di una o due stagioni per mirare a portare a casa la coppa dalle grandi orecchie. La difesa va bene così, con l’aggiunta magari di un centrale edun terzino. Il centrocampo non va toccato soprattutto nei titolari (QUINDI GUAI A TOCCARE VIDAL!) tutt’al più si può sperare in qualche ritocco per la panchina; ma è soprattutto l’attacco che va rimpinguato con dell’artiglieria pesante perché le punte attuali hanno dimostrato di essere competitive solo in chiave nazionale.  Si fanno tanti nomi, Ibra e Jovetic su tutti ma certo non si può arrivare al termine di ogni sessione di mercato trattando Borriello  o prendendo ex calciatori come Anelka. Naturalmente Conte dev’essere l’uomo solo al comando

Ma dopo tutto questa squadra va ringraziata e non bisogna farne un un dramma dato che molto probabilmente regalerà ai suoi tifosi il secondo titolo italiano consecutivo e ciò non è poco visto che è sorta dalle ceneri di 2 settimi posti. Chi scrive sel’è presa molto di più con la Juv di Capello, squadra molto più forte di questa  e programmata per vincere tutto eliminata nel 2005 dal Liverpiool, passata per il rotto della cuffia contro il Brema l’anno seguente ed eliminata in modo netto dall’Arsenal che sulla carta avrebbe dovuto essere inferiore (anche se poi giocò la finale)

Commenta

comments

Seguici su Facebook e su Telegram

About Stefano beccacece

%d bloggers like this: