Biathlon: doppia vittoria norvegese nelle staffette

La prima parte degli impegni agonistici a Hochfilzen si è chiusa oggi con le staffette; due gare molto spettacolari e con distacchi abbastanza contenuti, nelle quali non sono mancati i colpi di scena.

La prova maschile è stata conquistata dalla Norvegia, come prevedevano quasi tutti i pronostici.
Qualche problema per gli scandinavi solo nelle prime due frazioni, ma Brattsveen e Berger limitavano i danni commessi al poligono (Berger ha dovuto compiere anche un giro di penalità) grazie alla velocità sugli sci.
In terza frazione Svendsen si riportava sotto con gradualità e dava il cambio a Tarjei Bø insieme a Russia e Francia. Il detentore della Coppa del mondo eseguiva il suo compito alla perfezione e chiudeva in scioltezza davanti alle due squadre rivali.
Ancora in progresso i russi, che hanno esibito un Makoveev più attento di ieri e un debuttante sicuro di sé come Malyshko, il quale può sicuramente essere soddisfatto di questi primi 3 giorni ai massimi livelli.
Per la Francia un’ottima prestazione al tiro, ma ancora una delusione da Martin Fourcade, apparso anche oggi opaco in ultima frazione.
Buona prova di un compatto quartetto svedese, a soli 12 secondi dal podio, mentre i padroni di casa austriaci hanno pagato gli errori di Eder e non sono riusciti a inserirsi nella lotta al vertice.
Solo sesta la Germania, tradita da Greis in terza frazione.
Bene per metà gara gli azzurri, con Markus Windisch e Hofer che stringevano i denti e sparavano bene, mantenendo il contatto coi primi. Martinelli e Dominik Windisch si mostravano un gradino sotto e l’Italia scendeva al 12° posto finale, a metà classifica.

LEGGI ANCHE  Biathlon: doppietta di Shipulin e rimonta di Tora Berger

La sicurezza di Tarjei Bø all’ultima serie di tiri

Il successo norvegese tra le donne è l’ulteriore riprova del grande lavoro del team scandinavo a livello giovanile.
Merito delle meno esperte, Ringen e Solemdal, se Tora Berger ha potuto partire con 17 secondi sulle avversarie; Berger ha rischiato di riaprire la gara all’ultima serie di tiri, con 2 errori, ma la francese Dorin-Habert nulla ha potuto nell’ultimo giro.
Una squadra francese autrice di una straordinaria prestazione al tiro (40 su 43) ha meritatamente conquistato la seconda posizione, davanti alla Russia, che ha disputato una gara regolare, nella quale nessuna ha fallito, nemmeno Natalia Sorokina, inserita a sorpresa nel quartetto.
Bogalij e Zaitseva hanno dimostrato sangue freddo al poligono e hanno portato sul podio la squadra, davanti a un’eccezionale team polacco, superatosi con tutte le sue componenti.
Grandissima delusione dalle favorite tedesche, solo seste al traguardo.
Franziska Hildebrand, alla sua prima esperienza nella specialità a questi livelli, concedeva 50 secondi alle prime, ma erano le abuliche Henkel e Bachmann ad affossare il team tedesco. Magdalena Neuner recuperava 4 posizoni, ma la frittata era fatta.
Molto bene le azzurre, settime alla fine grazie alla solita buonissima prova di Michela Ponza e alle valide prestazioni di Karin Oberhofer e delle giovani Alexia Runggaldier e Dorothea Wierer.

LEGGI ANCHE  Biathlon: Horchler spinge la Germania; gran duello Francia - Russia tra gli uomini

Risultati

Hochfilzen, 11 dicembre 2011 – Staffette

Uomini (4x 7,5 km.)

Donne (4×6 km.)

Commenta

comments

Seguici su Facebook

About A. Grilli (Kraut)