Biathlon: Svendsen e Domraceva in volata, che spettacolo; video

A Hochfilzen i biathleti tornano in pista a sole 24 ore di distanza per le gare ad inseguimento con partenza sui distacchi di ieri.

Particolarmente ravvicinati gli atleti sia in campo maschile che in campo femminile; la realtà ha superato perfino le aspettative fornendo uno spettacolo ad altissimo tasso emozionale.

Gli uomini partivano all’inseguimento di Bergman, che già alla prima serie di tiri commetteva un errore e veniva superato dal russo Makoveev, dal giovane tedesco Florian Graf e dal n° 1 della scorsa stagione, Tarjei Bø.
Makoveev si trovava da solo al comando con una quindicina di secondi di vantaggio e, giunto di nuovo al poligono, pagava a caro prezzo l’emozione: 4 colpi su 5 fuori e oltre 20 posizioni perse. Bø prendeva la testa, inseguito da altri nomi: Ustjugov, Boeuf, Svendsen e Weger, a testimonianza dei capovolgimenti continui al vertice.
Anche il norvegese non riusciva a difendere la posizione, sbagliando una volta al primo tiro in piedi. Dei 4 inseguitori l’unico a passare indenne era lo svizzero Weger, che si trovava ora alle spalle il russo Lapshin, partito in ventitreesima posizione. Bø scendeva in terza posizione, tallonato da Ferry e Bailey, ai quali si aggiungeva Svendsen in disperata rimonta.
Weger dava prova di grande maturità centrando gli ultimi 5 bersagli, ma altrettanto facevano i due norvegesi, Bø e Svendsen, che a metà dell’ultimo giro superavano l’elvetico e si giocavano la vittoria allo sprint. Era Svendsen a prevalere di rabbia per una lunghezza circa e a conquistare il primo successo di stagione, oltre ad appaiare Bergman al comando della generale. Il leader Martin Fourcade deludeva anche oggi, chiudendo solo 23°, 3 posti dietro all’azzurro Hofer, bene oggi al tiro e in lento ma costante progresso.

LEGGI ANCHE  Biathlon: Anton Shipulin, un affare di famiglia. Italiani ancora in progresso

La gara femminile risultava altrettanto emozionante, anche se per lungo tempo sembrava non ci fosse nulla da fare contro un’ispirata Magdalena Neuner.
Gli ultimi 5 bersagli risultavano però decisivi: la tedesca ne mancava 2 e veniva ripresa dalla russa Zaitseva (1 solo errore) e dalla velocissima bielorussa Dariya Domraceva, in grado di recuperare a Neuner 25 secondi a parità di giri di penalità. L’ultimo giro era da leggenda: Domraceva tentava la fuga, ma veniva ripresa da Zaitseva dopo la prima delle due salite, con Neuner che si manteneva in agguato e attaccava a sua volta sulle ultime rampe. La battistrada reagiva con le unghie, manteneva la corsia interna e costringeva la tedesca a cedere. Tornava sotto Zaitseva, che mangiava centimetro su centimetro alla bielorussa, la quale tuttavia dava fondo alle residue energie e manteneva sul traguardo pochi centimetri che le consentivano di esultare.
Bene la tedesca Henkel, in rimonta fino al quarto posto, davanti alle altre russe Bogalij e Viluhina, decisamente al top delle loro performances, grazie all’intenso lavoro del nuovo tecnico Pichler. A seguire le regolarissime francesi Dorin-Habert e Brunet
21° posto per Michela Ponza, in difficoltà all’inizio con 2 errori e poi ben ripresasi.

LEGGI ANCHE  Biathlon: tripletta di Tora Berger e la prima per Moravec

Domani spazio alle staffette, saranno ancora emozioni?

L’ultimo chilometro della gara maschile

Il finale della gara femminile

Risultati

Hochfilzen, 10 dicembre 2011

Gare ad inseguimento

Uomini – 12,5 km.

Classifica di specialità

Classifica generale

Donne – 10 km.

Classifica di specialità

Classifica generale

Commenta

comments

Seguici su Facebook e su Telegram

About A. Grilli (Kraut)

%d bloggers like this: