Sunday , 25 October 2020

Fondo: Bjørgen di tenacia, Brandsdal di astuzia

Nella sprint di Stoccolma doppia vittoria norvegese e altro grande colpo di Marit Bjørgen che si porta a +160 punti su Justyna Kowalczyk

 

Inizia il gran finale della Coppa del mondo con la sprint in tecnica classica nel centro di Stoccolma, dove una lingua di neve ricopre un percorso breve ma intenso, con una salita iniziale molto ripida e un lungo falsopiano nel tratto finale

Le duellanti Marit Bjørgen e Justyna Kowalczyk si ritrovano insieme già nei quarti di finale, dove la polacca detta il ritmo ma la norvegese la infila regolarmente in curva. Entrambe approdano alle semifinali, dove Kowalczyk cade maldestramente all’ingresso della dirittura d’arrivo e deve salutare l’avversaria. Si tratta della terza caduta consecutiva della polacca nelle gare sprint, un fattore decisivo per la conquista della Coppa da parte della norvegese.

In finale gara coraggiosa della russa Julia Ivanova, già seconda a Lahti, che cerca fino in fondo di opporsi a Bjørgen, la quale guadagna un paio di metri dopo un inciampo dell’avversaria ma la vede ritornare sotto e impegnarla fino agli ultimi metri. Ivanova sul traguardo cede di poco e deve rassegnarsi a raccogliere un’altra piazza d’onore, mentre l’altra norvegese Falla esibisce un grande spunto conclusivo che le permette di conquistare il terzo posto di giornata e il secondo nella coppa di specialità, dietro la statunitense Randall oggi, come avviene da qualche settimana, piuttosto affaticata.

LEGGI ANCHE  Fondo: Bjørgen e Northug chiudono in bellezza

Bjørgen vanta ora ben 160 punti di vantaggio e salvo incidenti conquisterà la Coppa del mondo, un risultato non scontato dopo la sconfitta nel Tour de Ski, ma la 31enne scandinava ha saputo riprendersi molto meglio di Petter Northug, ancora asssente dalle gare per guai fisici.

Gli svedesi, che a livello femminile piazzano al quarto posto Charlotte Kalla, contavano molto sulla gara maschile per centrare il successo casalingo. Il neovincitore della Coppa di sprint, Teodor Peterson, e l’altro specialista Emil Jönsson, avevano buone carte da giocare.

Ottima figura per i due nei quarti, dove escono gli azzurri Fabio Pasini e Pellegrino, poi in semifinale Peterson continua a fare bene mentre Jönsson esce per un problema tecnico. Usciti nei quarti anche Dario Cologna, terzo nella sua batteria, e il russo Kriukov, caduto in avvio, alla finale approdano due favoriti in meno e le danze sono condotte da Peterson. Sembra che tutto fili per il verso giusto per lo svedese, anche perché il norvegese Hattestad, miglior tempo in qualificazione, si intestardisce nella doppia spinta con le sole braccia, oggi poco redditizia, ma all’interno si infila il kazako Poltoranin a spiazzare Peterson. Ci si avvia alla volata finale quando Poltoranin lascia a sua volta un buco alla sua destra in cui si inserisce il norvegese Brandsdal per scattare e involarsi verso una netta vittoria. Peterson salva il secondo posto, mentre Poltoranin cede e il terzo posto va al canadese Valjas, bravo e fortunato dopo il 30° tempo in qualificazione (anche lui quasi vittima del tentativo di procedere solo con la spinta di braccia), poi secondo al fotofinish nei quarti e ripescato nelle semifinali.

LEGGI ANCHE  Fondo: Norvegia padrona con Northug e Bjørgen

Solo sesto il migliore dei russi, Morilov, che resiste al secondo posto della classifica di specialità davanti al vincitore di oggi.

I fondisti si spostano ora a Falun, dove animeranno un’intensa 3 giorni da venerdì a domenica.

Risultati

Stoccolma, 14 marzo 2012

Sprint in tecnica classica

Donne

Coppa del mondo

Coppa sprint – Classifica finale

Uomini

Coppa del mondo

Coppa sprint – Classifica finale

Commenta

comments

Seguici su Facebook e su Telegram

About A. Grilli (Kraut)

%d bloggers like this: