Tuesday , 29 September 2020

Giro d’Italia in diretta live: Falzes-Cortina d’Ampezzo. Purito Rodriguez regola Basso in volata. Crollano Cunego e Kreuziger


Dopo una tappa di puro trasferimento in cui tutti i corridori si sono riposati in vista delle fatiche degli ultimi giorni di Giro, si fa davvero sul serio. Quattro colli paurosi, culminanti nel Passo Giau a fine tappa attendono la carovana. E’ davvero un giorno decisivo.
Anche oggi seguiremo la tappa in diretta live fin dalla partenza, prevista alle ore 11,55, per tenervi aggiornati km per km in tempo reale su ogni minima tattica e fuga.

Classifica:
1 RODRIGUEZ
2 HESJEDAL 0:30
3 BASSO 1:22
4 TIRALONGO 1:26
5 KREUZIGER 1:27
6 SCARPONI 1:36

Altimetria

La diretta live
Ore 11,55: la tappa prende il via da Falzes
Ore 12,15: percorsi una dozzina di km a passo lento. Niente da segnalare tranne il ritiro di Kennaugh
Ore 12,50: al km 40 il primo attacco che in breve tempo prende una quarantina di secondi. I fuggitivi sono Montaguti, Serpa Perez, Seeldrayers, Samoilau e il grande Rabottini.
Ore 13,18: quando mancano 130 km al traguardo la fuga ha ben 4 minuti di vantaggio
Ore 13,37: a 120 km dal termine siamo a 5’50, ma è ancora troppo poco per sopravvivere alle dure montagne. All’inizio della prima salita il distacco è invariato
Ore 13,52. Quasi in vetta al primo colle di giornata, il distacco è di 5’10 circa. Vediamo i fuggitivi in azione

Ore 14,03. In cima al Valparola il quintetto di testa ha conservato 4’18. Intanto Cavendish è dato in grave ritardo, oltre i 7 minuti
Ore 14,20. Scende sotto i 4 minuti il vantaggio. Siamo quasi in fondo alla discesa del Falzarego. Poi comincerà il Passo Duran, seconda delle 4 asperità di giornata

-85 km: eccoci nel breve tratto di pianura prima del Duran: 4’05 il margine
-79 km: ai piedi del Duran il gruppo ha rallentato consentendo a molti velocisti tra cui Cavendish di rientrare. 5 i minuti di distacco
-74 km: cala di nuovo a 3’54 il distacco, anche se gli uomini di classifica difficilmente si muoveranno prima del Giau.
-69 km: quando ormai siamo a 3 minuti, il gruppo attacca ora il Duran. La fuga ha il tempo contato.
-63 km: Montaguti cede e il distacco scende comunque sotto i due minuti
-60 km: mancano solo due km alla vetta del Duran e c’è un solo minuto di vantaggio per la fuga. Dal gruppo è uscito Nieve che si trova ormai a 30″ dai 4 di testa che a loro volta hanno 1’14 sul gruppone
-57 km: Rabottini transita in testa al Duran. Nievbe è quasi arrivato, mentre il gruppo passa a 1’15”

-55 km: siamo in piena discesa e Nieve ha subito perso una decina di secondi non riuscendo a rientrare. Recupera l’inseguitore che è a 18″, mentre il gruppo segue a 54″. Segnaliamo che Cunego non è riuscito a indossare la mantellina, speriamo che non ne abbia conseguenze.
-50 km: Seeldrayers sta tirando a tutta e ha preso un certo margine in discesa. Ed eccolo ai piedi di Forcella Staulanza. Nieve prende gli altri tre e tutti hanno 50″ ma tra poco verranno tutti ripresi
-47 km: Seeldrayers ha ancora 18″ su Nieve e compagni, mentre Rabottini ha mollato e il gruppo è a 1’20. Ripreso Seeldrayers; probabile che Nieve a questo punto stacchi tutti i compagni, distrutti dalla fatica
-45 km: il distacco scende a 1 minuto netto. In cima alla Forcella traguardo volante vinto da Seeldrayers, il gruppo arriva a 50″
-41 km: Il gruppo si è ricompattato, gli uomini della Liquigas stanno spingendo molto e si soffre a mantenere il ritmo frenetico.
-40 km: momento di grande difficoltà per Roman Kreuziger che in coda al gruppo e rischia di staccarsi.
-38 km: ormai si arriva in cima alla Forcella Staulanza. Kreuziger continua a faticare ed aumenta il suo ritardo.
-35 km: ora siamo in discesa, ma prima dell’arrivo i corridori hanno ancora da affrontare la salita più dura: il Giau.
-31 km: Basso, Szmyd, Capecchi e Caruso sono gli uomini della Liquigas che stanno imprimendo un grandissimo ritmo. tra circa tre chilometri arriveremo al Giau.
-30 km: si arriva a Cortina, Kreuziger è ancora molto lontano, mentre subito dietro ai Liquigas, ci sono Scarponi, Cunego e Ulissi.
-26 km: davanti sta tirando tantissimo Capecchi mentre Caruso si è staccato e lo fa anche Szmyd. Vanno in difficoltà anche Ulissi e Moreno, il gruppo al comando sta perdendo i pezzi.
-25 km: anche Nieve si stacca, il passo di Capecchi è ancora molto alto. Sembra che si stacchi anche De Gendt ed ora Basso rimane da solo ed aumenta l’andatura.
-24 km: il Giau sta facendo selezione: rimangono davanti solo Basso, Scarponi, Hesjedal, Rodriguez, Pozzovivo, Cataldo ed Henao che però perde qualche metro e viene ripreso da Brambilla, che prova a rientrare.
-23 km: ci sono anche Uran e Pozzovivo tra i sei davanti, Basso ha provato a staccare tutti. Hesjedal tenta un primo attacco, rintuzzato da Ivan Basso. Cunego ha mezzo minuto di distacco. Cataldo e Henao non sono più col primo gruppo di 6 corridori a 4,5 km dalla vetta. Poi sarà tutta picchiata verso il traguardo. Nieve insegue a 14″. Kreuziger è saltato completamente
-21 km: Basso sta tirando e gli altri faticano. NIeve poco distante ma non riesce a rientrare

Cunego non molla e riprende Brambilla. Sta provando quantomeno a contenere il distacco. Purito Rodriguez è in coda al gruppetto. Sta faticando anche lui, Nieve a 28″, Gadret a 47″. Ancora 2 km di salita. Cunego ha più di un minuto di ritardo.
-18 km: Gadret prende Nieve, ma eccoci in cima: il sestetto di testa passa con davanti Pozzovivo. Scarponi in difficoltà, becca ben 20″ in poche decine di metri. Gadret-Nieve a un minuto netto. Gruppo Cunego a 1’47.
-15 km: piena discesa: Scarponi a tutta nel tentativo di rientrare. Michele guadagna a vista d’occhio, ora è a 12″. Hesjedal tira fortissimo in discesa nel tentativo di staccare Rodriguez. Fa molta fatica Basso.
-12 km: Scarponi non ce la fa, è tornato a 20″ e forse sta aspettando i due dietro. Anche Uran, POzzovivo e Basso non tengono il ritmo dei due di testa però.
-10 km: crampi per Scarponi!!!! Tenta di massaggiarsi ma ha mollato, non ce la fa a spingere. E pensare che era quasi tornato su Uran. Basso e POzzovivo tornano sotto ai due di testa.
-8 km: i 4 in fuga hanno 22″ su Scarponi che forse si è ripreso e 1’23 sugli altri inseguitori. Cunego a 1’40 ormai è fuori dalla corsa, così come Kreuziger, l’altra vittima illustre di oggi. Uran cerca di riprendere il quartetto. Kreuziger ha 11 minuti di ritardo!!!!
-6 km: la strada spiana e ora c’è un ultimo strappetto. Uran torna coi primi. Scarponi è a 18″.
-3 km: Scarponi recupera ed è a soli 10″, dovrebbe riprenderli. Gadret e Nieve hanno 2 km di ritardo circa. IL marchigiano rientra a fine discesa. Mancano poco più di due km alla fine. IL sestetto si è ricomposto e va verso la volata. Ricordiamo che non ci sono abbuoni oggi. Parte Ivan Basso!!!! Niente da fare, ripreso.
Ultimo km: Cunego riprende Gadret e Nieve intanto. Davanti tutti si marcano. Parte Scarponi, Basso tiene ma è ancora Purito Rodriguez a vincere la volata. Secondo Basso. Pozzovivo perde 2 secondi. Il gruppo Cunego arriva a 1’22. In classifica Scarponi sale al 4° posto, saltano Cunego, Tiralongo (ha preso 2’50) e Kreuziger, il resto è invariato.

LEGGI ANCHE  Diciassettesima Tappa Giro d'Italia 2014: Sarnonico-Vittorio Veneto

Arrivederci a domani!

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA

Commenta

comments

Seguici su Facebook e su Telegram

About Luca Landoni

Giornalista pubblicista iscritto all'ODG Lombardia, mi occupo di sport, musica, spettacolo, politica, gossip e cultura: insomma, tutto e il contrario di tutto. Amante degli sport olimpici e del calcio minore. Ho praticato calcio, tennis, atletica leggera, tiro con l'arco, tennistavolo e Pokemon GO. Milanese emigrato, vivo in Trentino. Contatto: info@direttaradio.it
%d bloggers like this: