Thursday , 15 November 2018

Il significato dei nuovi tatuaggi di Ibrahimovic nella gara contro il Caen

Un grande gol contro il Caen nell’ultimo turno di Ligue1 non è bastato al suo PSG di vincere. Ma Zlatan Ibrahimovic ha mostrato, ancora una volta, che il calcio conta ben poco davanti a le problematiche del mondo. E pure questa volta lo ha fatto vedere a suo modo, togliendosi la maglia dopo il suo gol e sfoggiando dei nuovi tatuaggi che hanno fatto in poche ore il giro del globo.

Si tratta di nuovi tatoo come ha spiegato lo stesso calciatore svedese nel corso della conferenza stampa di lancio della campagna per il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP). E proprio in questo lato vanno letti tutti quei nomi raffigurati sul corpo di Zlatan che ha così spiegato il significato: “Ovunque vada, la gente mi riconosce, mi chiama per nome, fanno il tifo per me. Ma ci sono dei nomi che nessuno si prende cura di ricordare, dei nomi per cui nessuno fa il tifo: sono quelli degli 805 milioni di persone che, oggi, soffrono la fame nel mondo“.

LEGGI ANCHE  Ibra ancora veleno sull'Inter: "Mancini era solo un fighetto. Tutti a dire grazie dopo lo scudetto, io dissi prego"

E alcuni di quei nomi Ibra se li è tatuati sul corpo: 15 nomi di sconosciuti, simbolo della moltitudine di persone che soffrono di denutrizione. “Ho tifosi che mi sostengono in tutto il mondo. D”ora in avanti, vorrei che questo sostegno andasse alle persone che soffrono la fame, perché sono loro i veri campioni. Così, ogni volta che sentirete pronunciare il mio nome, sarà a loro che dovrete pensare” ha aggiunto l’attaccante del PSG, squadra che tramite la sua fondazione sta dando un contributo fondamentale alla campagna.

Per la cronaca Ibrahimovic si è preso pure il cartellino giallo per essersi tolto la maglietta: era diffidato e salterà la prossima gara contro il Monaco. “Lo rifarei anche per un rosso” ha commentato Ibrahimovic.

 

Commenta

comments

Seguici su Facebook

About Andrea Izzo

Appassionato di calcio e di musica, ex nuotatore che si dilettava sui campetti di periferia cercando di imitare, con scarsi risultati, gli idoli Roberto Baggio e Manuel Rui Costa. Sin dalla sua nascita ho collaborato come redattore per Gamefox Network che mi ha fatto scoprire la passione per la scrittura e per il web.