Under 21 e Play Off Serie B: chi la spunterà?

Empoli (Firenze), 26 maggio 2013, ore 23:15. Si è appena conclusa la gara dei playoff che ha visto vittoriosa la squadra di casa. In campo c’erano, durante i novanta minuti, due giovani talenti italiani – il nostro futuro. Entrambi vengono dalla Romagna. Uno dei due si chiama Vasco, in onore del Kom di Zocca. Proviene dalla primavera della Sampdoria, alla quale il cartellino appartiene ancora per intero. L’altro si chiama Riccardo, come il suo idolo brasiliano, Kakà. Da gennaio il suo cartellino è a metà fra il Milan, squadra con cui giocherà la prossima stagione, ed il Parma, club che ha comunque la speranza di poter possedere le sue prestazioni sportive in futuro. Entrambi i ragazzi stanno tuttavia disputando la fine della stagione calcistica 2012/2013 con la stessa maglia, quella azzurra dell’Empoli Calcio. Ed entrambi non lo vivono come un peso, anzi, è la loro occasione per mettersi in mostra e per raggiungere una promozione in serie A che può solo fare bene alla loro esperienza come alla loro immagine. Purtroppo però, il fato, che talvolta è sadico, ha giocato uno scherzo che fa arrabbiare i tifosi della squadra per cui giocano. E’ capitato per caso (ma si poteva evitare…) che le date delle finali di andata e ritorno dei Play Off per la promozione in Serie A e quella del ritiro, e solo ed esclusivamente di quello,( perché la prima gara si gioca il 5 giugno) in vista del mondiale Under 21 da giocarsi in Israele, coincidano. Una precisazione: niente per ora è certo. Regini e Saponara (i due giocatori di cui abbiamo parlato fino ad adesso) potrebbero semplicemente non aver problemi e rimanere in gruppo in terra toscana e scendere in campo con l’azzurro empolese sia all’andata che al ritorno, nel bene e nel male. Una volta finiti i Play Off, partirebbero per Israele dove sarebbero convocati per la prima partita del girone contro l’Inghilterra. Tutti contenti in questo modo. Ma la cosa che non va, è che non è detto che vada così. No, infatti Mangia, il tecnico degli azzurrini, non ha ovviamente mandato a dir dietro che li vorrebbe prima del primo impegno internazionale. Ma perché? Perché una squadra degna di questo nome, in tal caso l’Empoli ma poteva esserci il Novara al suo posto, deve aver paura di vedersi privata di due pedine che hanno giocato tutta la stagione da titolari? Con numeri importanti tra l’altro, sotto gli occhi di chiunque abbia seguito la serie Bwin. In un momento importante quanto decisivo come la finale per giocarsi la massima serie, equivarrebbe a falsare l’eventuale esito negativo dell’incontro per l’Empoli. Perché la Lega B non ha fatto in modo da non creare equivoci prima di arrivare alla fine di maggio? Perché la FIGC sembra infischiarsene delle realtà con meno peso politico ed economico? Permettetemi, è una contraddizione affermare di voler puntare sulle giovani leve cresciute in patria, e poi non tutelare le squadre che le giovani leve le coltivano e le spargono per tutto lo stivale ed anche oltre. Dicevamo all’inizio del tema, in stile narrativo: è passato poco tempo dalla partita Empoli-Novara e un uomo nero si avvicina ai due ragazzi portandoli al nord, in una landa chiamata Milanello, dove arriveranno per le 03:00 del mattino…

Commenta

comments

Seguici su Facebook e su Telegram

About Marco Ferri

Amante dello sport ma sopratutto appassionato di calcio e tifoso del Milan da sempre. Dal 2017 ho iniziato la mia avventura nel giornalismo sportivo, entrando a far parte della redazione di DirettaRadio.
%d bloggers like this: