Tuesday , 29 September 2020

Lotito parlò di tintinnio di manette. Un mese dopo la profezia si è avverata: solo un caso?

E’ scoppiata la bufera del calcio scommesse, una bufera che purtroppo si sta allargando anche alla serie A. I vari indagati ed arrestati dalla procura di Cremona parlano di altre partite ed altre squadre coinvolte, mentre la procura di Napoli sta collaborando con quella di Cremona perchè si sospetta che dietro il giro di scommesse (circuiti legali, non “toto-nero”, è bene precisarlo) possa esserci la regia della malavita organizzata come la camorra, che in questo modo potrebbe riciclare denaro sporco.

A prescindere da queste situazioni, su cui vi terremo constantemente aggiornati, c’è un punto sul quale sarebbe bene concentrarsi. Circa un mese fa, a termine di Lazio-Juventus 0-1, Lotito, presidente della Lazio, si lasciò andare ad un durissimo sfogo:

Ricordo che al tempo di Tangentopoli, qualcuno diceva sento un tintinnio di manette; qui non si tratta più di verificare l’episodio, qui si tratta di capire come avvengono certi fatti e se questi fatti sono patologici.

Si pensava che il presidente si riferisse ad episodi arbitrali, come il rigore su Floccari non concesso dal direttore di gara. Poco tempo prima Lotito aveva parlato di una task force per la verifica dell’andamento delle ultime sei giornate. Un’iniziativa che non incontrò i pareri favorevoli dei vertici federali del calcio, mentre invece oggi il Ministro dell’Interno Maroni ha parlato, pensate un po’, proprio di istituire una task force per risolvere questo momento di crisi ed evitarne degli altri.

Le analogie non finiscono qui. Nell’intervista del dopo Lazio-Juventus, Lotito aggiunse anche:

Una valutazione deve essere fatta all’interno di un sistema, questa valutazione deve essere fatta non solo su un episodio, ma deve essere fatto un excursus su tutto il campionato. Sulla base di questo, qualcuno farà le dovute deduzioni e adotterà quello che riterrà giusto adottare se ci sono situazioni patologiche. Fortunatamente credo molto nella giustizia e sono convinto che questo debba accadere fuori da sistema.

Fuori dal sistema, fuori dal mondo Calcio, esattamente quello che sta avvenendo con lo scandalo del calcio scommesse, in cui ad agire è stata la procura di Cremona, e non certamente la procura federale.

La domanda che ora ci si pone è se tutto questo sia soltanto un caso, con Lotito che si riferiva agli episodi arbitrali (c’è però da dire che il presidente non ha mai attaccato esplicitamente la categoria arbitrale), oppure se quelle dichiarazioni che in quel momento erano parse fuori luogo non fossero invece la consapevolezza che qualcosa di grande era pronto ad uscire fuori, che insomma quel tintinnio di manette fosse effettivamente udibile.

Commenta

comments

Seguici su Facebook e su Telegram

About Marco Ferri

Amante dello sport ma sopratutto appassionato di calcio e tifoso del Milan da sempre. Dal 2017 ho iniziato la mia avventura nel giornalismo sportivo, entrando a far parte della redazione di DirettaRadio.
%d bloggers like this: