Moratti e l’accusa agli arbitri “Non in quel senso…”

L’ingiustizia – Ieri il patron dell’Inter si era scagliato duramente contro gli errori commessi dal direttore di gara Tagliavento in Juventus-Inter, come ad esempio la mancata espulsione del bianconero Lichtsteiner, parlando di errore voluto e facendo così credere ai più maliziosi – come il sottoscritto – che si potesse riferire ad una qualche marachella da parte del club torinese. Invece oggi Moratti addolcisce i toni, infatti si legge sul sito dell’Inter: “C’entrasse la Juventus sarebbe grave”. Errore “voluto nel senso che uno vede una cosa e non interviene, questo anche magari per l’equilibrio della partita, non lo so. Ma era una scelta che comunque a quel punto della partita era azzardata e decisamente molto sfavorevole per noi” . Poi asserisce di non avere più rancore per quanto accaduto (forse perchè alla fine l’Internazionale ha vinto comunque?) : “Non hai più l’astio dentro, nessuna roba di questo genere, ma bisogna fare attenzione, questo sì, in modo che non ci sia una ripetizione costante”.

LEGGI ANCHE  Snejder al Chelsea: Abramovich offre 35 milioni all'Inter

Obiettivo scudetto – Nonostante la vittoria per 1-3, Massimo Moratti tenta giustamente di non “gasare” troppo l’ambiente anche se gli apprezzamenti ovvi per Strama ci sono, infatti lo definisce sveglio : “Credo sia un ragazzo molto sveglio e questo lo mette in condizioni di sapersi adattare e anticipare le cose e questo speriamo che possa durare. Inoltre fa capire che la dirigenza si aspetta dei risultati e dei traguardi ancora più importanti di quelli raggiunti fino ad ora, palesando molta fiducia nelle potenzialità della squadra: “Per ora abbiamo raggiunto dei risultati che sono straordinari, ma che non sono ancora quello che la società – a questo punto – può pensare di raggiungere”.

Il calendario per la Beneamata potrebbe sembrare favorevole da ora in poi ma il numero uno interista è severamente cauto : “Non credo proprio niente, credo soltanto che partita per partita bisognerà stare molto attenti, abbiamo visto che quelle all’apparenza facili sono quelle trabocchetto”, frena Moratti. “Cerchiamo di non montarci la testa, è stata una bellissima partita, indovinata dal punto di vista tattico, ma adesso ogni prossima gara sarà una diversa avventura che bisognerà affrontare con la stessa serietà”.

Commenta

comments

Seguici su Facebook e su Telegram

About Marco Ferri

Amante dello sport ma sopratutto appassionato di calcio e tifoso del Milan da sempre. Dal 2017 ho iniziato la mia avventura nel giornalismo sportivo, entrando a far parte della redazione di DirettaRadio.
%d bloggers like this: