Wednesday , 23 September 2020

Orienteering: Russia in volata sulla Finlandia, non basta super Niggli alla Svizzera

Si decide allo sprint l’esito della staffetta femminile agli europei di orienteering, con la Russia a battere la Finlandia. Bronzo alle svedesi.

La staffetta femminile chiude il programma degli europei di Falun, con un percorso molto simile a quello degli uomini, ma leggermente accorciato.

La lotta per la vittoria dovrebbe riguardare meno rappresentative rispetto alla stupenda gara maschile; 26 i terzetti al via.

C’è subito selezione con le svizzere Lüscher e Brodmann, le svedesi Billstam e Forsberg, le russe Tihonova e Efimova, la finlandese Haajanen, la ceca Gomzyk e la danese Klingenberg presto avanti alle altre.

Scena comica al punto spettacolo con la danese che misteriosamente arriva da sotto, ma si ritrova su una scala dai cui parapetti non può scendere pena la squalifica. Una volta risalita in cima, Klingenberg di ritrova al settimo posto, ma negli ultimi punti ha la forza di riportarsi al comando e di lanciare Ida Bobach in prima posizione, davanti a 7 avversarie racchiuse in 10 secondi. Ha perso terreno Svezia 2 con Forsberg, che passa in nona posizione a 1’27”, davanti alle deludenti norvegesi. L’Italia cambia in ultima posizione, dietro la Turchia.

LEGGI ANCHE  Orienteering: Dallavalle nella storia: vittoria e leadership in Coppa del mondo

In seconda frazione Simone Niggli (Svizzera 1) cerca di fare subito il vuoto e al secondo punto guida con 11 secondi sulla russa Mironova, autrice di una scelta lunga ma veloce sui sentieri. A 27 secondi seguono le altre tranne la Cechia, leggermente attardata. Niggli scava una voragine di altri 30 secondi tra il secondo e il terzo punto, quasi tutto sulla strada.

Errore colossale per Russia 2 (Popovich), mentre Niggli incrementa il suo vantaggio. Russia, Danimarca e Svezia staccano Finlandia e Svizzera 2 e scelgono di dirigersi verso la sesta lanterna tramite la strada anziché tagliare per il bosco.

Niggli dà spettacolo e al nono punto aumenta il vantaggio sul terzetto Svezia-Russia-Danimarca (Strand-Mironova-Bobach) a 1’36”. A 2 minuti e 9 secondi passano Finlandia e Svizzera 2, a quasi 4 minuti le altre.

Piccolo errore per la leader prima della lunga discesa, con Mironova che resta seconda e la finlandese Rantanen che recupera e passa in terza posizione davanti a Danimarca, Svezia con qualche problema e Svizzera 2.

Sotto i trampolini il vantaggio di Niggli si è ridotto a 1’25” sulla russa, quindi passano sgranate Finlandia, Danimarca, Svezia e Svizzera 2. I giochi per il podio sembrano ridotti a queste 6 squadre.

LEGGI ANCHE  Orienteering: un solo azzurro nella finale Long

Niggli accelera ancora nel finale e offre a Judith Wyder un vantaggio di 1’33” sulla coppia Finlandia-Russia, che schierano 2 ottime atlete, Kauppi e Ryabkina. Tiene bene la Svezia, che lancia Tove Alexandersson, seguita dalla danese Alm, mentre cala Svizzera 2, con Rahel Friederich chiamata a una difficile rimonta.
Risale al settimo posto la Norvegia grazie a Mari Fasting. Quattro posizioni recuperate dall’Italia.

Wyder titubante nei primi 2 punti e le avversarie recuperano anche più di 1 minuto. Scelta solo di sentiero e strada per la svizzera per il terzo punto e le due inseguitrici perdono qualosa: siamo a 36 secondi.

Il sogno di Judith Wyder si infrange al quarto punto, dove l’elvetica è completamente persa: arriva vicino al punto, torna indietro, riparte ma verso un’altra lanterna, cerca di riposizionarsi e infine trova il punto, ma 4 minuti se ne sono andati e la Russia va in fuga sulla Finlandia. Svezia e Danimarca restano insieme e lottano al momento per il bronzo.

Nella lunga sesta tratta Kauppi va sulla strada e Ryabkina nel bosco; ha ragione la finnica che scavalca la rivale e timbra per prima con una decina di secondi di vantaggio.
Le due scandinave seguono a 1’20”, con Alexandersson che sulla salita successiva attacca con decisione. Le svizzere sono ormai battute.

LEGGI ANCHE  Orienteering: tris di Simone Niggli

Russia e Finlandia procedono insieme e si presentano una attaccata all’altra sotto i trampolini. Gli ultimi 3 punti saranno decisivi. Svezia nettamente al terzo posto.

Kauppi e Ryabkina si scambiano la leadership nella discesa verso il penultimo punto, poi è la russa a piazzare l’allungo decisivo e a volare verso il traguardo per un clamoroso successo. Alexandersson ha il tempo di festeggiare con le compagne di squadra la medaglia di bronzo.

 

Classifica

Falun, 20 maggio 2012

Europei orienteering – Staffetta femminile

Commenta

comments

Seguici su Facebook e su Telegram

About A. Grilli (Kraut)

%d bloggers like this:
-->