Saturday , 26 September 2020

Orienteering: sensazionale vittoria per Svizzera 2 nella staffetta maschile

La seconda squadra svizzera composta da M.Hubmann, M. Müller e M. Kyburz ribalta il pronostico e vince una tiratissima e spettacolare staffetta agli europei di Falun

Gran finale agli europei di orienteering con le staffette. Spettacolo ancora maggiore rispetto ai mondiali, perché ogni nazione può schierare ben 2 terzetti.

La gara maschile si presenta incertissima, e a metà della prima frazione in testa sono ancora 18 uomini nello spazio di una quindicina di secondi; staccate le due squadre azzurre e le seconde squadre francese e britannica. A seguire il plotone, per effeto del sistema di forking, si divide in 3 gruppetti che viaggiano verso 3 punti di controllo differenti.
Quando tornano insieme, sotto il dente del trampolino di Falun, è il francese Tranchand ad emergere al comando davanti a Cechia, Russia 2 e Lettonia; subito dietro Svizzera e Svezia.

Tranchand viaggia velocissimo negli ultimi punti in discesa e nello sprint finale precede il lettone Bertuks e il russo Novikov. Vicinissimi lo svizzero Lauenstein e altre 8 squadre, mentre crolla il britannico Nixon che cambia 10° a 2’40”. Ventiseiesimo e trentunesimo posto per le due squadre italiane, mentre la Bielorussia è squalificata per punzonatura mancante.

LEGGI ANCHE  Fondo: rivincita di Cologna e orgoglio Kowalczyk

Nelle prime fasi della seconda frazione, nella zona piatta, il francese Adamski è raggiunto da Svizzera 2 (Müller), Norvegia (Kaas) e Cechia (Sedivy); a 30 secondi altre 5 squadre, che lasciano indietro la Finlandia: sono Russia, Svizzera, Lettonia, Russia 2 e Svezia 2.

Il ceco Sedivy sbaglia verso il quinto punto e viene sostituito nel gruppetto di testa dal lettone Sirmais. Va in fuga il norvegese Kaas che sulla collina verso il nono punto guadagna qualche metro su Russia (Tsvetkov), Svizzera 2, Francia e Lettonia.
Cerca l’aggancio Svezia 2, davanti a Cechia e Russia 2. In difficoltà Daniel Hubmann (Svizzera) che scende in 12a posizione a 1’15” dopo aver sbagliato nettamente il quarto punto e aver perso qualcosa anche al successivo.

I concorrenti si dividono in 3 gruppi prima della lunga discesa che porta alla zona d’arrivo con Russia e Norvegia all’attacco. Dal GPS si intuisce che Kaas guadagna qualche metro transitando in una zona vietata. Müller e Sirmais recuperano nella salita verso la collina del trampolino e passano al comando insieme a Russia e Cechia; subito dietro Svezia 2, Norvegia, Russia, Francia e Norvegia 2. In rimonta anche Svizzera e Svezia.

LEGGI ANCHE  Europei middle: Olav Lundanes ciclonico

Müller cambia al comando con pochi metri su Sedivy, Tsvetkov, Sirmais e lo svedese Fredrik Johansson.
Altre 6 compagini seguono nello spazio di 30 secondi tranne Svizzera 1, con Hubmann che arriva a circa un minuto zoppicando vistosamente. Un brutto infortunio per l’elvetico occorsogli subito dopo l’ultimo punto.
L’Italia con Tenani passa al 22° posto, buona frazione la sua con soli 3 minuti persi sui primi.

La gara si presenta ancora aperta con 12 teams in lotta per il podio all’inizio dell’ultima frazione.

Perde subito contatto Finlandia 2 con Tervo, superato dal connazionale Taivainen, e fatica a recuperare Svizzera 1 con Merz, mentre il russo Novikov si porta al comando insieme a Svezia 2 (Holmberg) e Svizzera 2 (M. Kyburz). Gli altri 7 si riagganciano e al terzo dei 19 punti 10 squadre si trovano nello spazio di 10 secondi.

Grossi errori al 4° punto per Norvegia 2, Cechia e Svezia, mentre nel forking il francese Gonon si ritrova a correre da solo, a differenza degli altri 6 che si avvantaggiano.
La Norvegia con Lundanes e la Russia con Novikov dettano il ritmo sulla salita verso l’ottavo punto, dove rientra Gonon.
Nella zona di semiaperto del 10° punto Holmberg si presenta al comando, seguito da Kyburz, Lundanes, Novikov, Gonon e dal lettone Mihajlovs; ha ceduto Russia 2 con Sidorov.

LEGGI ANCHE  Orienteering: bronzo europeo per Marco Guizzardi

I 6 battistrada salgono verso la collina nella parte nord della cartina e si avvicinano al 14° punto forse decisivo perché gli atleti si divideranno alla ricerca di punti differenti.

Perde terreno la Lettonia e anche la Russia è in difficoltà; restano in 4 con Holmberg a prendere l’iniziativa su Gonon e Kyburz, con Lundanes a pochi secondi. 3 uomini vicinissimi al dente del trampolino, con Kyburz che si guarda alle spalle ma poi è il più preciso a raggiungere il terzultimo punto e a impostare al comando la volata finale, dove mantiene il vantaggio su Svezia 2 e Francia.

Un successo sensazionale per la seconda squadra svizzera, composta dai 2 giovani Martin Hubmann (23 anni, fratello minore di Daniel, a cui facciamo gli auguri di pronta guarigione) e Matthias Kyburz (22 anni), oltre all’esperto 29enne Müller, campione mondiale sprint nel 2010.

Classifica

Falun, 20 maggio 2012

Europei orienteering – staffetta maschile

Commenta

comments

Seguici su Facebook e su Telegram

About A. Grilli (Kraut)

%d bloggers like this:
-->