Thursday , 28 January 2021

Presunzione Strama: “Fate i nomi, tanto rimango io”

Come il bambino al parco che dice “Tanto la palla è mia”. La presunzione di Stramaccioni dopo la sconfitta – l’ennesima – dell’Inter contro la Roma sfiora il patetico.

I nerazzurri ci avevano creduto con il gol di Jonathan, il più criticato in questo sciagurato periodo per la banda-Strama che ieri nel riscaldamento ha perso tragi-comicamente anche Cambiasso per infortunio.

Ma poi è entrato in partita l’ex più avvelenato di tutti, Mattia Destro. Non solo una doppietta che ha indicato la retta via per la finale ai giallorossi, ma le dichiarazioni pungenti e piccate a fine partita: “Gol dell’ex? L’hanno voluto loro, mi hanno mandato via”. Come a dire, “Ve l’avevo detto che ero bravo”. Che è un po’ la stessa musica che potrebbero suonare i vari Santon, Balotelli e chi più ne ha più ne metta.

Ma torniamo a Strama. Certo, ieri sera non aveva scelta, aveva i giocatori contati contro una Roma in pieno organico. Ma l’umiltà dov’è? Si è infortunata anche quella? E’ così scontato che debba rimanere lui fino a giugno? Forse ora sì, visto che manca poco al termine della stagione (6 partite). Ma forse Moratti doveva farsi coraggio qualche partita fa e sbattere la porta in faccia al suo figlioccio.

E invece, a giugno, sarà costretto a cacciarne due. Perché dovrà farlo, se non vuole che la Pinetina sia presa d’assalto neanche fosse la Bastiglia nel 1789. Strama è il primo, Branca l’altro. A proposito, si è parlato in settimana di un ritorno di Oriali che per l’Inter sarebbe oro colato.

Ieri sera i tifosi hanno fatto assaggiare al Presidente cosa potrà accadere a giugno se si continuerà sulla via mai indicata da Stramaccioni. Contestazione continua, con tanto di striscione che ritrae Fassone ai tempi della Juventus mostrare una maglia con scritto “Meglio un anno senza tituli che una vita da ridiculi”.

Ed ecco che uno dei cavalli di battaglia di Strama gli si ritorce contro: ci vuole rispetto per l’Inter.

Commenta

comments

Seguici su Facebook e su Telegram

About DanieleSidonio

%d bloggers like this: