Friday , 30 October 2020

Salernitana-Nocerina: un comunicato dei tifosi nocerini svela altri retrocescena

Il giorno dopo il derby farsa andato in scena all’Arechi di Salerno e che ha messo di fronte, per poco meno di venti minuti, Salernitana-Nocerina, non si stentano a placare le polemiche. Oggi sono arrivati venti daspo per venti tifosi della Nocerina e inoltre da pochi minuti la Lega Pro ha fatto sapere che agirà penalmente e denuncerà chi “deve essere denunciato“.

Ma le attenzioni sono adesso rivolte tutte verso un comunicato stampa diffuso dai tifosi nocerini in cui spiegano dal loro punto di vista cosa è accaduto nel pre-partita di Salernitana-Nocerina. Nel comunicato che potete leggere integralmente qui di seguito, viene spiegato come nessuno ha minacciato alcun tesserato e che i giocatori hanno agito sul  campo in quel modo per sostenere la causa dei tifosi al quale era stato proibito di recarsi allo stadio Arechi. Ognuno può pensarla come vuole e farsi l’idea che preferisce, ma cosi come viene dato voce a giornalisti, tg e anche a chi non era allo stadio, troviamo giusto dare voce anche a chi è stato protagonista in questa brutta giornata di calcio, sperando magari che presto anche i giocatori del club rossonero siano in grado di parlare e dire una volta per tutte come sono andate realmente le cose.

LEGGI ANCHE  Diretta Lega Pro Prima Divisione girone B: undicesima giornata 10/11

 

Oggi non parliamo ne a nome degli ultras ne a nome della nostra curva sud perchè oggi parliamo a nome di una città la nostra città , perché é la nostra città ad essere stata discriminata dal divieto di recarsi allo stadio Arechi ed e’ il nome dei nocerini che ora dalla stampa nazionale viene additato come violento teppista terrorista e mafioso. Noi non abbiamo minacciato nessun tesserato, anzi abbiamo semplicemente chiesto al nostro mister e ai nostri ragazzi dopo una serie di pacifici incontri che con un gesto eclatante, che facesse parlare l’italia e che scuotesse il sistema, si desse voce all’ingiustizia subita. Un atto di solidarietà, una protesta civile, visto che se avremmo voluto essere davvero violenti ci saremmo recati a salerno malgrado il divieto. E a tutti gli organi di informazione che invece sostengono il contrario li esortiamo a chiedere direttamente ai tesserati della Nocerina Calcio, dalla quale ci aspettiamo come minimo un comunicato che sgombri da ogni ombra e dubbio , le accuse che oggi ci vengono gettate addosso.

Purtroppo é più facile gettare fango sugli ultras piuttosto che accettare una scomoda verità, quella che una città abbandonata da ogni difesa delle proprie istituzioni ha trovato protezione ai propri calpestati diritti solo in undici ragazzotti forestieri ma che da oggi diventano immensamente grandi e nocerini a tutti gli effetti per quello che hanno fatto. Chiedetelo a loro se sono stati minacciati, visionate i filmati e vedete se si é trattato di minacce o semplicemente di un sentimento comune di rivalsa da un evidente torto subito. Mai come questa volta gli ultras non siedono al banco degli imputati perché questo posto stavolta spetta di diritto al questore ed al prefetto e a tutti coloro che hanno cosi pessimamente gestito questa vicenda, facendo questo clamoroso autogol, vietando soltanto agli ospiti qualcosa che ci era garantita dalla tessera del tifoso. E’ nostra intenzione perciò che emerga soltanto la verità, perché é una verità che darebbe soltanto onore alla nostra voglia di difendere il nome della nostra città, e che darebbe soltanto onore ai nostri undici molossi che non hanno agito così per paura, ma hanno agito cosi per dimostrare che la vera farsa era non avere il sostegno del proprio pubblico alle spalle.

Oggi leggiamo da più parti che lo sport é morto, niente di più falso, perché oggi lo sport si é fatto carico di difendere i diritti di chi é stato penalizzato da una palese ingiustizia ed é andato contro a quello stesso sistema che quella ingiustizia aveva prodotto.

Onore alla Nocerina
Onore ai Nocerini”

Commenta

comments

Seguici su Facebook e su Telegram

About Marco Ferri

Amante dello sport ma sopratutto appassionato di calcio e tifoso del Milan da sempre. Dal 2017 ho iniziato la mia avventura nel giornalismo sportivo, entrando a far parte della redazione di DirettaRadio.
%d bloggers like this: