Salto con gli sci: La Slovenia.. e poi il buio

Un blackout ferma la prima gara stagionale a squadre a Wisla (Polonia) al termine della prima manche: successo del quartetto sloveno di stretta misura su polacchi e tedeschi

Debutto spettacolare ed emozionante per la nuova stagione estiva del salto con gli sci, con una gara a squadre sul filo dei decimi di punto fino alla pausa tra la prima e la seconda manche, quando l’impianto di illuminazione ha ceduto e a nulla sono valsi i tentativi dei tecnici di ripristinarlo in breve tempo.

Gara dimezzata, quindi, con successo della squadra slovena, giunta in terra polacca quasi in formazione titolare. Partono bene gli slavi, con Jurij Tepes primo a superare quota 125 metri, ma poi superato dal tedesco Wank, dal norvegese Stjernen e dal 20enne austriaco Lukas Müller, molto convincente in questo scorcio di stagione internazionale.

La prima sorpresa si verifica nella seconda serie di salti, dove Robert Hrgota si rivela il migliore e porta la Slovenia in sconda posizione dietro l’Austria (Hayböck) e davanti a Germania e Polonia, Mechler al di sotto dei compagni di squadra, e il numero 1 della squadra ospite Kamil Stoch, che commette un errore in fase di volo e non atterra pulito, perdendo punti decisivi. Male il norvegese Romøren, che fa perdere 3 posizioni al suo team.

LEGGI ANCHE  Salto: colpaccio di Sara Takanashi, quarta l'azzurra Insam

Terza serie con il vento che cambia direzione, non così la leadership che resta agli sloveni grazie a Peter Prevc, completamente ripresosi dalla frattura di Oberstdorf. Due soli punti di vantaggio sulla Germania, aiutata da una solida prova di Neumayer, mentre Kubacki porta sul podio virtuale i polacchi, approfittando della prova negativa dell’austriaco Zauner, che assomma un altro brutto salto dopo quello che ieri gli è costato la qualificazione alla gara individuale. Sotto tono il norvegese Hilde, positiva la prova del giovane giapponese Sakuyama.

Ultima rotazione della prima manche con un grande Maciej Kot a galvanizzare il pubblico di casa; per lui 125 metri e 10 punti recuperati alla Slovenia del campione del mondo di ski flying Robert Kranjec, che si ferma a 121 m.

Richard Freitag conferma i problemi di materiale riscontrati nella preparazione e atterra a 119 metri, perdendo il secondo posto a favore dei polacchi; Bardal subisce il sorpasso del giapponese Watase e fa scender ela Norvegia a un deludente sesto posto, mentre il buon salto di Loitzl non vale agli austriaci il recupero della zona podio.

LEGGI ANCHE  Salto: trionfo giapponese nella mista, Takanashi record; video

Si va alla pausa con 4 squadre nello spazio di soli 11 punti, ma improvvisamente si spengono le luci; alla ribalta restano gli sloveni, che la spuntano e lanciano la sfida alla gara di domani pomeriggio, quando dalle 17 scatteranno in 50 dal trampolino, compresi l’azzurro Colloredo e l’elvetico Ammann.

Classifica

Summer Grand Prix, Wisla (Polonia) – 20 luglio 2012

Team Event

 

Commenta

comments

Seguici su Facebook

About A. Grilli (Kraut)

%d bloggers like this: