Monday , 26 October 2020

Salto: la finale a Koch, la Coppa a Bardal

Martin Koch si aggiudica l’ultima gara di stagione dal trampolino di Planica, precedendo Ammann e Kranjec, il quale conquista la Coppa di voli con gli sci. Basta un 23° posto al norvegese Bardal per la vittoria assoluta. Buon 17° Colloredo

 

Finale di Coppa del mondo riservata ai 30 presenti meglio piazzati in classifica generale più un atleta sloveno. Il cielo alterna nuvole a squarci di sole e il vento si fa minaccioso fin dal primo mattino, cambiando continuamente direzione.

In gara la giuria è costretta ad alzare e abbassare frequentemente il punto di partenza della rincorsa e i calcoli per capire quale posizione conquisterà l’atleta appena sceso si fanno complessi.

Si fa appena in tempo a completare la prima manche che il vento si intensifica fino a raggiungere i 9 metri al secondo, velocità che rende impossibile continuare la gara; vale dunque il risultato della prima prova, aperta dallo sloveno Hvala, argento ai mondiali junior, a cui segue l’azzurro Colloredo, autore di un salto pregevole a 209 metri, uno in meno del suo personale.

LEGGI ANCHE  Sci nordico: arriva il giorno di Freitag

Per Sebastian Colloredo alla fine sarà 17° posto, un buon finale che lo proietta verso la prossima stagione con i mondiali in Val di Fiemme.

Prime emozioni per il pubblico di casa con Jurij Tepes, il quale realizza un ottimo volo a 203 metri nonostante il vento da dietro e prende il comando della gara.

Arriva poi il momento dei tedeschi, che piazzano Freitag e Freund provvisoriamente ai primi due posti, seguiti dall’austriaco Kofler, uno dei protagonisti della vittoria austriaca ieri nell’ultima gara a squadre.

Per l’assegnazione della Coppa del mondo assoluta i dubbi erano minimi: Anders Bardal con 100 punti di vantaggio su Gregor Schlierenzauer aveva bisogno di un solo punto, sempre che il suo avversario riuscisse a vincere. Schlierenzauer in effetti prova a crederci e passa al comando con ben 5 punti su Freitag, ma è subito scavalcato in maniera netta da Simon Ammann. Lo svizzero forse avrebbe desiderato che la stagione potesse continuare, dopo i brillanti risultati in marzo e una condizione in netta crescita.

LEGGI ANCHE  Salto: Schlierenzauer di misura; grande Morassi, settimo

Ammann oggi ottiene il miglior risultato di stagione, ma non può nulla contro Martin Koch, che si conferma lo specialista dei trampolini di volo e supera il punto di Hill size con un balzo di 222,5 metri; per lui un vantaggio di oltre 16 punti sull’elvetico.

E’ quindi il momento di Bardal che non rischia nulla e si accontenta del 23° posto, quanto basta per poter festeggiare con i compagni di squadra vestiti d’oro una Coppa che ritorna in Norvegia dopo ben 18 anni dal successo di Bredesen.

Restano i due atleti che si giocano la coppa di specialità e per la gioia degli sloveni non c’è storia: il campione del mondo Kranjec prevale nettamente su Daiki Ito e realizza lo slam: titolo mondiale e coppa nello ski flying. Per Kranjec anche il terzo posto nella gara odierna.

Risultati

Planica, 18 marzo 2012

Coppa del mondo – Classifica finale

Coppa di volo con gli sci – Classifica finale

LEGGI ANCHE  Salto: nel finale l'Austria prevale sulla Polonia

 

 

Commenta

comments

Seguici su Facebook e su Telegram

About A. Grilli (Kraut)

%d bloggers like this: