Wednesday , 19 December 2018

Salto: tornano le big, Iraschko incantevole. 14° posto per Elena Runggaldier

La campionessa del mondo Daniela Iraschko realizza due salti da manuale e vince nettamente la prova del Summer GP di Hinterzarten. Torna sul podio Sara Takanashi, mentre tra le azzurre riappare pimpante Elena Runggaldier

 

Gara in notturna a Hinterzarten (Germania) per il secondo appuntamento del Summer Grand Prix femminile. Vento quasi calmo, con piccole variazioni che hanno contato poco per la classifica e cielo soleggiato per le poche concorrenti che hanno beneficiato della luce naturale.

Torna al successo l’austriaca Daniela Iraschko. La campionessa mondiale di Holmenkollen 2011 ha fornito una dimostrazione di superiorità schiacciante staccando le avversarie fin dalla prima manche, nella quale ha realizzato un salto stupendo di 99 metri coniugando potenza nello stacco a una tecnica di volo sopraffina con in particolare un ampio angolo tra le ginocchia che le ha permesso di volare lontano.

Alle sue spalle la tedesca Corina Vogt, in un ottimo periodo di forma, davanti alla slovena Pozun, a lungo leader provvisoria con i suoi 96 metri. Solo nona la canadese Pretorius, vincitrice due giorni fa a Courchevel. Per l’Italia ottima prestazione di Elena Runggaldier, che lava via i dubbi e compie un’esecuzione eccellente premiata con il 15° posto parziale.

LEGGI ANCHE  Salto: Schlierenzauer ribalta la situazione nel suo Tirolo

Molto timorosa Evelyn Insam, che si rialza molto prima di atterrare e si ferma al 17° posto. Qualificata alla seconda prova Roberta D’Agostina, mentre Lisa Demetz conferma di non trovarsi in buone condizioni di forma.

Nella seconda manche D’Agostina e Insam scivolano in fondo, mentre Runggaldier replica la performance di poco prima con un altro salto di buon livello che la issa al 14° posto finale.

Pretorius conferma la nona posizione proprio davanti alla neo connazionale Tanaka e per il Canada due ragazze nelle 10 rappresenta un risultato decisamente favorevole; resta ottava la staunitense Jerome, la migliore del suo team aspettando i rientri di Van e Hendrickson.

La seconda manche si infiamma con la settima classificata della prima prova, l’austriaca Seifriedsberger, ormai solita recuperare posizioni. 98 metri e un buon stile le permettono di superare Iwabuchi, la quale manca il telemark all’atterraggio, e Mattel, ancora deludente nella seconda manche.

100 metri sfiorati da Sara Takanashi, campionessa del mondo junior e grande protagonista della passata stagione. La giapponese cresce vistosamente rispetto all’esordio nel GP e si porta facilmente al comando. Per lei è subito podio, perché Pozun non ripete la prodezza e si limita a ottenre un buon piazzamento.

LEGGI ANCHE  Salto: impresa di Kamil Stoch a Predazzo e bis di Daniela Iraschko; video

Restano le due migliori della prima manche; per una Vogt che attira l’entusiasmo del pubblico inserendosi alle spalle di Takanashi c’è una Iraschko ancora magistrale che veleggia, unica nella serata, ben oltre i 100 metri e legittima il successo con un perfetto telemark.

Vittoria netta per la 29enne austriaca, che lancia decisamente nel ruolo di favorita la squadra mista in campo domani per il secondo Mixed Team Event della stagione.

Gli uomini quest’oggi si sono misurati nella qualificazione, con alcune esclusioni per problemi di equipaggiamento, tra cui quella di Schlierenzauer. Continuano i progressi del francese Mayer che vince sul tedesco Queck e lancia l’attacco al podio nella gara di domenica. Per gli azzurri qualificati Colloredo e Diego Dellasega.

Risultati

Hinterzarten, 17 agosto 2012

Summer GP femminile

Classifica generale

 

Commenta

comments

Seguici su Facebook

About A. Grilli (Kraut)