Volley: la Lube dice addio a Macerata, la nuova casa sarà Civitanova

Sta per chiudersi un’era nella pallavolo italiana. La Lube Macerata sta per trasferirsi a Civitanova, localita della provincia maceratese.

E’ stato infatti firmato un pre-accordo tra la presidentessa del club, Simona Sileoni, ed il sindaco civitanovese Tommaso Claudio Corvatta. L’intesa prevede che un impianto ancora da costruiere ospiti le gare della Lube Volley a partire dal 2014.

Da una parte verrà soddisfatta la necessità del comune civitanovese di dare continuità ad un vasto progetto di opere pubbliche per le quali sono stati stanziati ingenti fondi, dall’altra saranno accolte le richieste di una società che da tempo ha problemi con l’amministrazione del comune di Macerata.

La Sileoni ha espresso così la propria soddisfazione nelle parole riportate dal Corriere Adriatico: “Sono tanti anni che lottiamo con problemi che una società della massima serie non dovrebbe avere. Siamo orgogliosi dell’accoglienza che abbiamo avuto a Civitanova. Finalmente potremo avere una casa degna della serie A. Possiamo dirlo, questo sogno diventa realtà”.

Restano però due questioni: la prima è puramente “economica”, difatti l’amministrazione comunale di Macerata è intenzionata a chiedere un risarcimento, sostenendo di avere lei fatto fronte al pagamento delle utenze del  Palafontescodella, impianto che ha ospitato le gare casalinghe della Lube fino alla stagione passata; se inece vogliamo parlare del lato passionale, dobbiamo registrare la delusione dei tifosi del capoluogo di provincia.

I supporters sarebbero disposti a seguire la squadra anche a Civitanova, ma c’è il rischio che il club possa cambiare sede, ma anche nome. Avremo presto in Serie A una squadra che si chiamerà Lube Civitanova? Staremo a vedere. Di certo a Macerata è legata la storia di un club che ha vinto tanto in Italia, ma anche in Europa, annoverando diversi campioni.

 

Stefano Beccacece

Commenta

comments

Seguici su Facebook e su Telegram

About Stefano beccacece

%d bloggers like this: