Breaking News

Il comunicato ufficiale della Fiorentina contro la Juventus e Berbatov: “Non degno della nostra maglia”

Una giornata, quella di ieri 29 agosto, che i tifosi viola difficilmente scorderanno. Il protagonista è stato Dimitri Berbatov, attaccante bulgaro del Manchester United che era già allo scalo di Monaco per raggiungere Firenze Peretola da dove poi avrebbe raggiunto la sede della società gigliata per firmare il contratto e sostenere le visite mediche. I siti internet dei fans fiorentini erano già pieni di parole d’amore per il nuovo giocatore e campeggiavano già alcuni fotomontaggi di Berbatov con la maglia della Fiorentina. Ma poi si intromette la Juventus e Marotta che convincono il giocatore ad andare a Torino dove i campioni d’Italia lo aspettavano. Come dire di no? Ed ecco che la trattativa con la Fiorentina salta quando tutti aspettavano solo l’ufficialità. Uno sgarbo che non è piaciuto a nessuno, tanto meno alla dirigenza che in tarda serata ha fatto pubblicare sul sito ufficiale della Fiorentina un comunicato stampa nel quale esprime il proprio pensiero sulla società Juventus e sul giocatore Berbatov. E proprio quest’ultimo deve aver pensato a quello che aveva appena fatto, magari venendo a conoscenza della rivalità tra le due squadre e pensando proprio a quello che presto poteva riservargli il Franchi quando si sarebbe presentato con la maglia bianconera e ha preferito mandare in bianco anche Marotta e compagnia accettando l’offerta del Fulham. Ecco sotto il comunicato stampa integrale della Fiorentina.

“ACF Fiorentina comunica che l’operazione di acquisizione del calciatore Dimitar Berbatov è saltata definitivamente dopo che era stato definito un accordo con il Manchester United (scambio di contratto condiviso, prima rata del corrispettivo in pagamento e garanzia fideiussoria per la seconda rata già sottoscritta) e dopo che era stata raggiunta un’intesa verbale con il calciatore sul suo contratto. Nella giornata di oggi, il club inglese aveva concesso al suo tesserato il permesso scritto di recarsi a Firenze per le visite mediche e per firmare il contratto. Il calciatore si era imbarcato, in compagnia del suo procuratore e con biglietti pagati dalla Fiorentina, su un volo diretto a Firenze. Ma a Firenze il giocatore non è mai arrivato. A causa di operazioni spericolate e arroganti di altre società, che niente hanno a che fare con i valori della correttezza, del fair play e dell’etica sportiva e che si collocano oltre i confini della lealtà. Per quanto riguarda il calciatore, al di là delle sue caratteristiche e del suo valore tecnico, a questo punto siamo felici che non sia venuto alla Fiorentina: non meritava la nostra città e la nostra maglia e i valori che essa rappresenta”.

Commenta

comments

Seguici su Facebook

About Andrea Izzo

Appassionato di calcio e di musica, ex nuotatore che si dilettava sui campetti di periferia cercando di imitare, con scarsi risultati, gli idoli Roberto Baggio e Manuel Rui Costa. Sin dalla sua nascita ho collaborato come redattore per Gamefox Network che mi ha fatto scoprire la passione per la scrittura e per il web.