Advertisements
Breaking News

Emergenza Milan: Gattuso e Cassano fuori per tutta la stagione. Boateng parte? Ecco i nomi per gennaio

Il Milan è ufficialmente in piena emergenza. Dopo il caso Gattuso, anche Antonio Cassano dovrà rimanere fuori per tutta la stagione (o quasi). E i rossoneri perdono due giocatori nei due reparti più carenti. Per farvi capire quanto Fantantonio era diventato importante per il Milan basta dirvi che sedeva in panchina con la Roma per la prima volta ed era stato sempre titolare dall’inizio della stagione, sia in Champios che in campionato. Oggi vogliamo fare il punto reparto per reparto con i nomi per il mercato di gennaio. Inutile dire a questo punto che il Milan interverrà sicuramente nel mercato di riparazione, ma vediamo l’analisi.

PORTIERI. Per l’estremo difensore non ci sono problemi. Abbiati ha si mostrato qualche indecisione in alcune gare di campionato, ma bisogna dire che in molte altre ha salvato la partita con le sue miracolose parate. Inoltre Amelia è un’ottimo portiere, forse anche sprecato per fare il secondo. Non ci sono quindi problemi per questo reparto.

DIFENSORI. In questa zona del campo il Milan ha nove giocatori (dieci se includiamo il giovane De Sciglio) per quattro posti. Nesta e Thiago Silva hanno avuto problemi muscolari in questo avvio di stagione, ma niente di preoccupante. Comunque le prestazione di Yepes e Bonera quando sono stati chiamati in causa sono sempre state sufficienti. Poi c’è Mexes che dopo essere tornato a disposizione, ha subito un intervento alla mano e dovrà stare fuori per altri 20 giorni, ma se recuperato definitivamente è l’uomo in più per la difesa. Il reparto centrale quindi sembra al completo, cosi come anche le fasce: Antonini e Taiwo da una parte e Zambrotta e Abate dall’altra. Ricordando anche che Bonera può giocare anche sia destro che sinistro. Mercato: Nel mirino del Milan c’è Benatia dell’Udinese ma non arriverà a gennaio. Come detto attualmente la zona centrale è al completo. Per giugno invece, se Nesta confermerà la decisione di lasciare il calcio, le piste portano tutte al tunisino che ha detto nei giorni scorsi che il presidente Pozzo non lo venderà a gennaio ma alla fine della stagione. Sempre per la difesa, ma per la fascia, torna di moda il nome di Balzaretti ma personalmente non so quanto si ritenga utile tale acquisto nel mese di gennaio con attualmente quel ruolo ben ricoperto dagli attuali giocatori.

CENTROCAMPISTI. Gattuso si opererà nei prossimi mesi e resterà quindi fuori almeno per tutta la stagione. Cosi come Flamini che ne avrà ancora parecchio per il grave infortunio subito in avvio di stagione. Ambrosini sta piano piano recuperando, ma il centrocampo è il reparto più in affanno: Nocerino e Van Bommel hanno giocato tutte le partite e necessita di un ricambio all’altezza. Il reparto è completato appunto da Ambrosini, Aquilani, Emanuelson, Seedorf e Boateng. Il capitano e l’olandese danno i primi segni dell’età e troppo spesso sono costretti a dare forfait. Emanuelson non riesce ancora ad esprimersi al top e Boateng….Il ghanese in pratica ha recuperato da poco dall’infortunio che lo aveva colpito nella preparazione estiva e appena tornato ha preso un cartellino rosso contro la Juventus e un turno di squalifica. Ha salvato il Milan a Lecce con una prestazione super, ma si è fatto espellere nuovamente contro la Roma e altre due giornate si squalifica. Per non dimenticare che molto probabilmente il Milan lo perderà a gennaio. I tifosi possono stare tranquilli perchè non parliamo di mercato, ma di Coppa d’Africa. Infatti il Ghana lo vuole per la manifestazione che si terrà dal 21 gennaio al 12 febbraio. Quasi un mese se i ghanesi dovessero arrivare alle fasi finali. E sopratutto quasi a ridosso degli ottavi di finale di Champions League. Quindi il Milan si potrebbe trovare a gennaio solo con cinque centrocampisti per 4-5 posti. E quindi molto probabile un intervento sul mercato. Mercato. I nomi sono sempre tre sul taccuino di Braida: Montolivo, Caseimiro e Paulinho. A questi si aggiunge De Rossi in scadenza di contratto a giugno, ma poco praticabile per gennaio. I rossoneri quindi potrebbero fare uno piccolo sforzo economico per Montolivo per poi arrivare a De Rossi per giugno, ma che senso avrebbe prendere Montolivo dopo aver mandato via Pirlo? E soprattutto al Milan serve un giocatore di quantità, vista che c’è già Aquilani e Boateng. Quindi occhi puntati su Caseimiro (ma costa troppo) e Paulinho di cui avevamo già parlato. 

ATTACCANTI. Insieme al centrocampo, adesso è diventato il reparto più in crisi di presenze. Cassano out per quasi tutta la stagione, restano a disposizione Ibrahimovic, Robinho, Pato, El Sharaawy e Inzaghi. Sarebbero anche troppi se fossero tutti presenti. Infatti Pato ormai è più ai box che in campo, cosi come Inzaghi. Restano quindi pochi ricambi e come si è visto in Champions League è dovuto entrare Ganz al posto di Robinho dopo una prova deludente.  Va detto che a gennaio si può fare dei cambi per la lista Champions, ma un attaccante serve assolutamente per lottare sui tre fronti. Mercato. E oggi di nomi se ne fa tanti. Sicuramente però quello che si intuisce è che il Milan se prenderà un attaccante, sarà solo per tappare i buchi lasciati momentaneamente vuoti, quindi un attaccante disposto ad accettare un contratto di soli sei mesi, un po’ come è successo per Legrottaglie lo scorso gennaio. Per questo i nomi sono quelli di giocatori che in questo momento non trovano spazio e che hanno una certa età. Uno su tutti Luca Toni che potrebbe essere la valida alternativa a Ibrahimovic. L’ex giocatore del Palermo è molto apprezzato dal Milan e potrebbe essere la scelta più giusta sia tattica che economica. Guardando sempre in casa Juventus ci sarebbe anche Amauri che però abbiamo visto ad agosto è poco propenso a diminuirsi l’ingaggio e non accetterebbe un contratto così breve sopratutto perchè ha proposte estere. Si fa il nome anche di Didier Drogba ma anche qui la situazione è difficile. L’ivoriano parteciperà alla Coppa d’Africa e sopratutto sta rifiutando il rinnovo del Chelsea perchè troppo corto (12 mesi). Improbabile quindi che accetti un contratto ancora più corto al Milan che quindi dovrebbe puntare su di lui a tutti gli effetti se decidesse di prenderlo. In questo caso, cioè un giocatore a lungo termine, il Milan avrebbe più piste da seguire, sicuramente più appetibili di Drogba. Per primo appunto Balotelli, anche se non sarebbe fattibile per gennaio. Ma i nomi nuovi sono quelli del 26enne Podolski che potrebbe giocare in Champions League e di Reyes dell’Atletico. Infine tornano in casa Juve, nei giorni scorsi si è parlato anche di Quagliarella ma la società bianconera, disposta a cederlo, vuole monetizzare. Quindi i punti principali da capire sono questi: 1) il Milan ha intenzione di spendere per un giocare a lungo termine o vuole un giocatore low cost per pochi mesi? 2) Allegri punterà su El Sharaawy e quindi si cercherà più una prima punta, oppure il giocatore sarà mandato in prestito e quindi si cercherà una seconda punta più come Cassano?

 

 

 

 

Segui la Serie D in diretta su Facebook

Advertisements

Commenta

comments

About Andrea Izzo

Appassionato di calcio e di musica, ex nuotatore che si dilettava sui campetti di periferia cercando di imitare, con scarsi risultati, gli idoli Roberto Baggio e Manuel Rui Costa. Sin dalla sua nascita ho collaborato come redattore per Gamefox Network che mi ha fatto scoprire la passione per la scrittura e per il web.